sabato 03 dicembre | 01:15
pubblicato il 02/lug/2015 17:17

Vendola: sto con il popolo greco, da Europa macelleria sociale

La cura di cavallo rischia di uccidere l'Europa stessa

Vendola: sto con il popolo greco, da Europa macelleria sociale

Roma, (askanews) - "Io non ho nessun asse con Salvini o la Meloni o con tutti coloro che vogliono distruggere l'Europa che sono contro l'Europa e l'Euro. Io sono dalla parte del popolo greco che rivendica il diritto al futuro, e il diritto a un presente più decente. E sono con la battaglia di Tsipras che chiede all'Europa non di disattendere i propri impegni, ma di poterli realizzare in maniera sostenibile perchè pensare che ancora una volta le ricette della macelleria sociale, quelle che devono essere inflitte al popolo greco, significa non solo prolungare l'agonia ma continuare a non vedere il fallimento che le politiche imposte dalla troika hanno determinato. In Grecia il debito pubblico è aumentato nonostante il dilagare della povertà e quella cura da cavallo che rischia di uccidere l'Europa stessa". Lo ha detto il leader di Sel, Nichi Vendola, commentando la situazione in Grecia.

Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari