sabato 03 dicembre | 04:03
pubblicato il 28/apr/2014 12:00

Vendola allo Yad Vashem: chiedere conto a chi tacque

"Diritto sicurezza di Israele non può essere messo tra parentesi"

Vendola allo Yad Vashem: chiedere conto a chi tacque

Roma, 28 apr. (askanews) - "Fare memoria non significa intrecciare ghirlande ed edificare cerimonie, bensì esercitare il giudizio, il discernimento. L'orrore fu industria dello sterminio, burocrazia del male, connivenza culturale, indifferenza, omertà. Fare memoria è doloroso, perché vuol dire chiedere conto a coloro che tacquero e che non vollero ascoltare il pianto degli innocenti". Lo ha scritto oggi a Gerusalemme, Nichi Vendola presidente di Sinistra ecologia libertà e presidente dlela Regione Puglia, nel registro delle testimonianze dei visitatori dello Yad Vashem, nel giorno in cui Israele si è fermata per il Giorno della Memoria dell'Olocausto. Nel pomeriggio Vendola - incontrando la comunità ebraica italiana in Israele - ha affermato che "il diritto alla sicurezza di Israele non può essere messo tra parentesi, è un'esigenza legittima, figlia di una storia di cui dobbiamo farci carico".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari