venerdì 24 febbraio | 03:14
pubblicato il 03/feb/2015 21:00

Veltroni: bene discorso Mattarella e applusi bipartisan

Berlusconi nel pallone.Non siamo terza Repubblica ma a prima-bis

Veltroni: bene discorso Mattarella e applusi bipartisan

Roma, 3 feb. (askanews) - "Il discorso inaugurale di Mattarella mi è piaciuto molto. In particolare mi è piaciuta una parola che magari è passata un po' meno sotto i riflettori che è la parola comunità. Questo Paese ha bisogno disperatamente di ritrovare il suo senso di comunità, l'idea che ci sia una relazione tra il destino degli uni e degli altri, che nessuno si possa affidare ad una sorta di "si salvi chi può .Mi è sembrato bello anche il comportamento del parlamento. Tante volte si fanno vedere le immagini con le mortadelle, gli insulti, i manifesti. Il presidente è stato accolto con gli applausi di tutti". Lo ha affermato sull'insediamento al Quirinale il fondatore del Pd Walter Veltroni nel corso di un' intervista con Massimo Giannini in onda questa sera su Rai3 all'interno di Ballarò.

"Il presidente del Consiglio - ha detto ancora Veltroni sulla nomina di Matterella- ha fatto un operazione politica che è giusto definire capolavoro. Non era facile, due anni fa non ci si era riusciti, il rischio che accadesse di nuovo era reale. Si è tenuto unito il più grande partito in Parlamento e si è scelta una persona che ha dentro di sè l'autonomia, cifra essenziale per fare quel lavoro. Chi sta al Quirinale deve avere una funzione autonoma".

"Nessun rammarico: per il Paese quella di Sergio Mattarella è la - ha detto Veltroni sulla sua mancata candidatura da parte del Pd- migliore soluzione. Quando ci siamo sentiti glie l'ho detto convintamente. A me naturalmente ha fatto piacere si parlasse del mio nome. Dai sondaggi, dall'opinione pubblica dalla gente per strada mi ha fatto piacere che fosse riconosciuto un atteggiamento non fazioso, di essere un uomo di parte come io sono, essendo un uomo di sinistra, che però nella sua vita si è sempre sforzato di cercare di interpretare ruoli istituzionali non con uno spirito fazioso".

Ben diverso invece il giudizio sulla scelta di Berlusconi di non votare Mattarella. "Se il comportamento di Berlusconi in questa vicenda fosse un film - ha commentato Veltroni- sarebbe uno dei più grandi pensatori italiani del 900 che è Oronzo Canà, il protagonista de "L'allenatore nel pallone". Secondo me in questo caso ha perso il controllo della situazione".

Infine, il fondatore del Pd ha espresso la convinzione che "e siamo nella prima Bis. Noi - ha sottolineato- diciamo che siamo passati alla Terza Repubblica perché abbiamo cambiato la legge elettorale e sono cambiati i partiti politici, ma nelle altre democrazie si parla di passaggio ad un'altra Repubblica quando c'è una modifica costituzionale consistente, e non è il nostro caso. La Costituzione italiana è un oggetto vivo e ha bisogno, nell'ambito della sua ispirazione, di essere rinnovato perché altrimenti il rischio è che quei principi vengano in qualche modo rimessi in discussione dall'opinione pubblica".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech