giovedì 23 febbraio | 02:41
pubblicato il 02/ott/2012 20:30

Vaticano/ Scontro maggiordomo-gendarmi: Maltrattato in cella

Non colpevole ma ho tradito Papa. La deposizione di don Georg

Vaticano/ Scontro maggiordomo-gendarmi: Maltrattato in cella

Città del Vaticano, 2 ott. (askanews) - Attriti, veleni e divergenze, emersi da mesi in Vaticano con il caso della fuga di documenti riservati (Vatileaks), si sono trasformati oggi in un vero e proprio scontro tra i protagonisti della vicenda. Da una parte Paolo Gabriele, il maggiordomo accusato di furto delle carte, dall'altra gli uomini che lo hanno arrestato e detenuto, i gendarmi vaticani del comandante Domenico Giani, già bersaglio di un capitolo di 'Sua Santità', il bestseller che Gianluigi Nuzzi avrebbe scritto grazie ai documenti avuti dal maggiordomo. Arrestato il 23 maggio, ai domiciliari dal 21 luglio, Paolo Gabriele è rimasto in una cella di sicurezza della caserma della gendarmeria vaticana per quasi sessanta giorni e oggi ha deposto al processo che lo vede come unico imputato. L'ex assistente di camera del Pontefice si è dichiarato, a sorpresa, innocente: "Riguardo al furto aggravato mi dichiaro innocente. Mi sento colpevole per aver tradito la fiducia che aveva riposto in me il Santo Padre, che io sento di amare come un figlio". Paolo Gabriele ha precisato di non avere avuto complici ("Nessun altro, né su mia richiesta né su mia iniziativa"), ma di essere stato "suggestionato dall'ambiente". In particolare, ha confermato di essere stato in contatto con sette persone che aveva citato negli interrogatori durante l'istruttoria: "padre Giovanni", suo confessore, i cardinali Angelo Comastri, vicario del Papa per la basilica di San Pietro, Paolo Sardi, ex 'ghostwriter' di Benedetto XVI ed ex vice-camerlengo, monsignor Francesco Cavina - oggi vescovo di Carpi ma fino al 2011 funzionario della segreteria di Stato - e l'ex governante di Ratzinger Ingrid Stampa. Sardi e Stampa, in particolare, erano stati menzionati in un'articolo del quotidiano tedesco 'Die Welt' che faceva anche il nome dell'ex segretario personale del Papa, il vescovo Josef Clemens, che, ascoltato nell'istruttoria, non è stato invece nominato oggi. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech