sabato 21 gennaio | 07:27
pubblicato il 02/ott/2012 20:30

Vaticano/ Scontro maggiordomo-gendarmi: Maltrattato in cella

Non colpevole ma ho tradito Papa. La deposizione di don Georg

Vaticano/ Scontro maggiordomo-gendarmi: Maltrattato in cella

Città del Vaticano, 2 ott. (askanews) - Attriti, veleni e divergenze, emersi da mesi in Vaticano con il caso della fuga di documenti riservati (Vatileaks), si sono trasformati oggi in un vero e proprio scontro tra i protagonisti della vicenda. Da una parte Paolo Gabriele, il maggiordomo accusato di furto delle carte, dall'altra gli uomini che lo hanno arrestato e detenuto, i gendarmi vaticani del comandante Domenico Giani, già bersaglio di un capitolo di 'Sua Santità', il bestseller che Gianluigi Nuzzi avrebbe scritto grazie ai documenti avuti dal maggiordomo. Arrestato il 23 maggio, ai domiciliari dal 21 luglio, Paolo Gabriele è rimasto in una cella di sicurezza della caserma della gendarmeria vaticana per quasi sessanta giorni e oggi ha deposto al processo che lo vede come unico imputato. L'ex assistente di camera del Pontefice si è dichiarato, a sorpresa, innocente: "Riguardo al furto aggravato mi dichiaro innocente. Mi sento colpevole per aver tradito la fiducia che aveva riposto in me il Santo Padre, che io sento di amare come un figlio". Paolo Gabriele ha precisato di non avere avuto complici ("Nessun altro, né su mia richiesta né su mia iniziativa"), ma di essere stato "suggestionato dall'ambiente". In particolare, ha confermato di essere stato in contatto con sette persone che aveva citato negli interrogatori durante l'istruttoria: "padre Giovanni", suo confessore, i cardinali Angelo Comastri, vicario del Papa per la basilica di San Pietro, Paolo Sardi, ex 'ghostwriter' di Benedetto XVI ed ex vice-camerlengo, monsignor Francesco Cavina - oggi vescovo di Carpi ma fino al 2011 funzionario della segreteria di Stato - e l'ex governante di Ratzinger Ingrid Stampa. Sardi e Stampa, in particolare, erano stati menzionati in un'articolo del quotidiano tedesco 'Die Welt' che faceva anche il nome dell'ex segretario personale del Papa, il vescovo Josef Clemens, che, ascoltato nell'istruttoria, non è stato invece nominato oggi. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4