giovedì 19 gennaio | 05:31
pubblicato il 17/mar/2012 05:10

Vaticano/ Scontro interno dopo Vatileaks, interviene il Papa

Dopo fughe di notizie e veleni su vertici istituisce commissione

Vaticano/ Scontro interno dopo Vatileaks, interviene il Papa

Città del Vaticano, 17 mar. (askanews) - Interviene il Papa per placare lo scontro interno innescato dalle recenti fughe di notizie di documenti riservati del Vaticano. Un flusso continuo - soprannominato 'Vatileaks' dal portavoce della Santa Sede Federico Lombardi - che ha portato alla pubblicazione, nelle scorse settimane, di 'memo' classificati e lettere private su diverse testate italiane ('Gli Intoccabili', 'Fatto quotidiano', 'Repubblica', 'Chi l'ha visto?'). Che ha messo in forte imbarazzo i vertici della Segreteria di Stato, a partire dal cardinale Tarcisio Bertone. E che ha spinto ora Ratzinger a istituire una commissione "per far luce sull'intera vicenda". La fuga di notizie ha avuto fin da subito una ricaduta interna e una esterna. Per un verso il Vaticano nelle scorse settimane ha pubblicato una serie di note, spiegazioni e dichiarazioni per affrontare i problemi indicati dai documenti riservati: dal bilancio del Governatorato al ruolo dell'ex segretario generale Antonio Maria Viganò, dalle norme anti-riciclaggio alla posizione dello Ior, dal caso di Emanuela Orlandi all'idea di un complotto ai danni del Papa. Per un altro verso, gli uomini del Papa si sono posti la questione di quale fosse la 'talpa' (o il 'corvo') che faceva uscire i documenti dalle mura Leonine. E perché. "La responsabilità c'è dall'una e dall'altra parte. Anzitutto da parte di chi fornisce questo tipo di documenti, ma anche di chi si dà da fare per usarli per scopi che non sono certo l'amore puro della verità", ha avuto a commentare il portavoce vaticano Federico Lombardi. Che, dopo aver ricordato la "purificazione e rinnovamento" promossa dal Papa per far fronte alla pedofilia del clero e l'impegno "serio" per "garantire una vera trasparenza del funzionamento delle istituzioni vaticane anche dal punto di vista economico", ha concluso: "Chi pensa di scoraggiare il Papa e i suoi collaboratori in questo impegno si sbaglia e si illude". La questione di individuare i 'corvi' è divenuta tanto più imprescindibile perché nel corso del tempo nel Palazzo apostolico ha preso corpo il sospetto che l'obiettivo finale della fuga di notizie fosse molto alto. Bertone, se non il Papa. Il quadro fatto emergere ad arte, infatti, non è solo quello di divergenze tra maggiorenti vaticani e veleni incrociati, riecheggiati non di rado dalla stampa, ma quello di un governo della Chiesa mondiale allo sbando. Che avrebbe bisogno - è il ragionamento - di un ricambio. Tanto che sono iniziate a circolare voci di un pre-pensionamento di Bertone in occasione del suo 79esimo compleanno il prossimo due dicembre, di una sua sostituzione con personalità come il cardinale argentino Leonardo Sandri, una vita nell'entourage di Wojtyla, o - ipotesi subito sparita - dell'affiancamento a Bertone di un pro-segretario di Stato. E tanto che, senza ricollegarsi a 'Vatileaks', giornali come 'Foglio' e 'Libero' hanno riproposto l'ipotesi di dimissioni anticipate del Pontefice. Ora è lo stesso Benedetto XVI ad intervenire. In una inconsueto colloquio con il direttore dell'Osservatore romano, il 'Sostituto' della Segreteria di Stato, mons. Giovanni Becciu, ha infatti confermato che è in corso un'indagine interna. Anzi, "la Segreteria di Stato - scrive Giovanni Maria Vian - ha disposto un'accurata indagine che riguarda tutti gli organismi della Santa Sede: a livello penale condotta dal Promotore di giustizia del Tribunale vaticano e a livello amministrativo svolta dalla stessa Segreteria di Stato, mentre una superiore commissione - si legge ancora sull'Osservatore romano - è stata incaricata dal Papa di fare luce sull'intera vicenda.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Renzi si mette in viaggio in pullman: ripartiamo girando l'Italia
Fca
Fca,Gentiloni a Merkel: omologazione spetta a autorità italiane
Brexit
Brexit,Gentiloni:May fa chiarezza, Ue pronta a discutere con Gb
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina