lunedì 27 febbraio | 01:21
pubblicato il 25/gen/2013 12:54

Vaticano: Papa trasferisce competenza su seminari a Congregazione Clero

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 25 gen - Con due Lettere apostoliche di Benedetto XVI, in forma di 'Motu Proprio', pubblicate oggi, si trasferiscono la competenza sui Seminari dalla Congregazione per l'Educazione Cattolica alla Congregazione per il Clero e la competenza sulla Catechesi dalla Congregazione per il Clero al Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione. I due documenti erano stati annunciati dal Papa lo scorso 27 ottobre, a conclusione dei lavori del Sinodo sulla nuova evangelizzazione. Con il Motu Proprio ''Ministrorum institutio'', Benedetto XVI affida alla Congregazione per il Clero ''la promozione e il governo di tutto cio' che riguarda la formazione, la vita e il ministero dei presbiteri e dei diaconi: dalla pastorale vocazionale e la selezione dei candidati ai sacri Ordini, inclusa la loro formazione umana, spirituale, dottrinale e pastorale nei Seminari e negli appositi centri per i diaconi permanenti, fino alla loro formazione permanente, incluse le condizioni di vita e le modalita' di esercizio del ministero e la loro previdenza e assistenza sociale''. Con questo Motu Proprio, la Congregazione per l'Educazione Cattolica, (dei Seminari e degli Istituti di Studi) cambia il nome in Congregazione per l'Educazione Cattolica (degli Istituti di Studi) ed e' competente per l'ordinamento degli studi accademici di filosofia e di teologia, sentita la Congregazione per il Clero. Con il Motu Proprio ''Fides per doctrinam'', il Papa trasferisce, invece, la competenza sulla Catechesi dalla Congregazione per il Clero al nuovo Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione. La competenza sulla Catechesi riguarda: ''la cura e promozione della formazione religiosa dei fedeli''; la facolta' di emanare norme opportune perche' ''l'insegnamento della Catechesi sia impartito in modo conveniente secondo la costante tradizione della Chiesa''; il compito di ''vigilare perche' la formazione catechetica sia condotta correttamente secondo le indicazioni espresse dal Magistero''; la facolta' di concedere la ''prescritta approvazione della Sede apostolica per i catechismi e gli altri scritti relativi all'istruzione catechetica, con il consenso della Congregazione per la Dottrina della Fede'' e, infine, il compito di assistere gli uffici catechistici delle Conferenze episcopali seguendo e coordinando le loro attivita'. gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech