martedì 17 gennaio | 12:22
pubblicato il 25/gen/2013 12:54

Vaticano: Papa trasferisce competenza su seminari a Congregazione Clero

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 25 gen - Con due Lettere apostoliche di Benedetto XVI, in forma di 'Motu Proprio', pubblicate oggi, si trasferiscono la competenza sui Seminari dalla Congregazione per l'Educazione Cattolica alla Congregazione per il Clero e la competenza sulla Catechesi dalla Congregazione per il Clero al Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione. I due documenti erano stati annunciati dal Papa lo scorso 27 ottobre, a conclusione dei lavori del Sinodo sulla nuova evangelizzazione. Con il Motu Proprio ''Ministrorum institutio'', Benedetto XVI affida alla Congregazione per il Clero ''la promozione e il governo di tutto cio' che riguarda la formazione, la vita e il ministero dei presbiteri e dei diaconi: dalla pastorale vocazionale e la selezione dei candidati ai sacri Ordini, inclusa la loro formazione umana, spirituale, dottrinale e pastorale nei Seminari e negli appositi centri per i diaconi permanenti, fino alla loro formazione permanente, incluse le condizioni di vita e le modalita' di esercizio del ministero e la loro previdenza e assistenza sociale''. Con questo Motu Proprio, la Congregazione per l'Educazione Cattolica, (dei Seminari e degli Istituti di Studi) cambia il nome in Congregazione per l'Educazione Cattolica (degli Istituti di Studi) ed e' competente per l'ordinamento degli studi accademici di filosofia e di teologia, sentita la Congregazione per il Clero. Con il Motu Proprio ''Fides per doctrinam'', il Papa trasferisce, invece, la competenza sulla Catechesi dalla Congregazione per il Clero al nuovo Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione. La competenza sulla Catechesi riguarda: ''la cura e promozione della formazione religiosa dei fedeli''; la facolta' di emanare norme opportune perche' ''l'insegnamento della Catechesi sia impartito in modo conveniente secondo la costante tradizione della Chiesa''; il compito di ''vigilare perche' la formazione catechetica sia condotta correttamente secondo le indicazioni espresse dal Magistero''; la facolta' di concedere la ''prescritta approvazione della Sede apostolica per i catechismi e gli altri scritti relativi all'istruzione catechetica, con il consenso della Congregazione per la Dottrina della Fede'' e, infine, il compito di assistere gli uffici catechistici delle Conferenze episcopali seguendo e coordinando le loro attivita'. gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Ciberfisica, al via sviluppo tecnologie per affidabilità sistemi
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Tempesta di neve in Tunisia: migliaia di auto intrappolate