domenica 22 gennaio | 01:42
pubblicato il 18/ago/2012 15:52

Vaticano/ Le 'barbie' su prima pagina dell''Osservatore romano'

Galeotti: Storia di un'emancipazione, ma quando cresce davvero?

Vaticano/ Le 'barbie' su prima pagina dell''Osservatore romano'

Città del Vaticano, 18 ago. (askanews) - Le 'barbie' arrivano sulla prima pagina dell''Osservatore romano'. In una breve "storia dei tentativi di emanciparsi da uno stereotipo", la storica Giulia Galeotti ripercorre le varie evoluzioni 'politicamente corrette' della più famosa bambola di tutti i tempi. "L'ultima frontiera - si legge sul giornale vaticano - del politicamente corretto è notizia di questi giorni: la Barbie calva dovrebbe infatti presto diventare una realtà. Dopo una campagna su Facebook e dopo l'iniziale rifiuto della Mattel ('non accettiamo condizionamenti esterni'), è stato invece dato il via libera alla produzione. Barbie bald, però, non sarà in commercio, ma verrà donata agli ospedali pediatrici che ospitano bimbi colpiti da tumori. Professioni, colore della pelle, disabilità e malattia: il cammino di Barbie parrebbe la dimostrazione della (parziale) infondatezza di tante critiche perché, in fin dei conti, bella anche con anima e senso civico. Viene però un dubbio", prosegue Galeotti: "Quanti di noi hanno mai realmente incontrato queste Barbie sugli scaffali dei negozi? Perché di questa galleria di politicamente ed educativamente corretto non v'è traccia alcuna sul mercato reale? Perché - giusto per commentare la più stretta attualità - non vendere la Barbie calva che potrebbe rappresentare una importante via per rassicurare le bimbe davanti alle madri sotto chemio? Secondo la Mattel, il novanta per cento delle bambine americane di età compresa tra i tre e i dieci anni possiede almeno una Barbie, facendone così la bambola più venduta negli Stati Uniti. Sono dunque innanzitutto i dati a dimostrare quanto Barbie potrebbe davvero rappresentare un potente strumento per incoraggiare cambiamenti sociali. Lo diceva anche Alessandro Manzoni: è giocando che si comincia a focalizzare chi e cosa si aspira a diventare. Perché Barbie non decide di crescere davvero, una buona volta?".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4