lunedì 27 febbraio | 12:43
pubblicato il 07/feb/2014 12:00

Vaticano insiste: documento Onu anomalo e oltre sue competenze

Lombardi torna su testo diffuso mercoledì da Ginevra

Vaticano insiste: documento Onu anomalo e oltre sue competenze

Città del Vaticano, 7 feb. (askanews) - Con una lunga dichiarazione publilcata sul sito della Radio vaticana il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, torna sul documento pubblicato mercoledì a Ginevra dal comitato delle Nazioni Unite responsabile dell'applicazione della convenzione Onu per la tutela dei minori definendolo "anomalo, con gravi limiti e oltre le sue competenze". "Le raccomandazioni formulate dal Comitato sono spesso piuttosto scarne e di peso relativo", rileva il gesuita. "Non per caso non se ne è quasi mai sentita eco a livello di stampa internazionale, anche nel caso di Paesi dove i problemi dei diritti umani e dell'infanzia sono notoriamente gravi". "La Santa Sede - come ha detto monsignor Parolin - continuerà ad impegnarsi per attuare la Convenzione e per mantenere un dialogo aperto, costruttivo e impegnato con gli organi in essa previsti", afferma Lombardi. "Prenderà le sue ulteriori posizioni e ne darà conto, e così via, senza pretendere di sottrarsi a un dialogo autentico, alle procedure previste, con apertura alle critiche giustificate, ma lo farà con coraggio e decisione, senza timidezza". Allo stesso tempo, "non si può non rilevare che le ultime raccomandazioni pubblicate dal Comitato appaiono presentare - a giudizio di chi ha ben seguito il processo che le ha precedute - limiti gravi. Non hanno tenuto conto adeguato delle risposte, sia scritte, sia orali, date dai rappresentanti della Santa Sede. Chi ha letto e ascoltato queste risposte non ne trova riflessi proporzionati nel documento del Comitato, tanto da far pensare che esso fosse praticamente già scritto o perlomeno nettamente impostato prima dell'audizione". In particolare "sembra grave la non comprensione della natura specifica della Santa Sede. E' vero che si tratta di una realtà diversa dagli altri Stati e questo rende meno facile comprenderne ruolo e responsabilità. Ma ciò è stato spiegato molte volte dettagliatamente nei vent'anni e più di adesione alla Convenzione e in particolare nelle recenti risposte scritte. Non si è capaci di capire o non si vuole capire? In ambedue i casi si ha diritto a stupirsi". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Dp
Rossi: noi fermeremo Grillo, alleanza con Pd se vince Orlando
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: no polemiche, governo deve guidare l'Italia fino a elezioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Viticoltura vegan cresce: in 2016 +36% richieste certificazione
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech