mercoledì 18 gennaio | 21:36
pubblicato il 07/feb/2014 12:00

Vaticano insiste: documento Onu anomalo e oltre sue competenze

Lombardi torna su testo diffuso mercoledì da Ginevra

Vaticano insiste: documento Onu anomalo e oltre sue competenze

Città del Vaticano, 7 feb. (askanews) - Con una lunga dichiarazione publilcata sul sito della Radio vaticana il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, torna sul documento pubblicato mercoledì a Ginevra dal comitato delle Nazioni Unite responsabile dell'applicazione della convenzione Onu per la tutela dei minori definendolo "anomalo, con gravi limiti e oltre le sue competenze". "Le raccomandazioni formulate dal Comitato sono spesso piuttosto scarne e di peso relativo", rileva il gesuita. "Non per caso non se ne è quasi mai sentita eco a livello di stampa internazionale, anche nel caso di Paesi dove i problemi dei diritti umani e dell'infanzia sono notoriamente gravi". "La Santa Sede - come ha detto monsignor Parolin - continuerà ad impegnarsi per attuare la Convenzione e per mantenere un dialogo aperto, costruttivo e impegnato con gli organi in essa previsti", afferma Lombardi. "Prenderà le sue ulteriori posizioni e ne darà conto, e così via, senza pretendere di sottrarsi a un dialogo autentico, alle procedure previste, con apertura alle critiche giustificate, ma lo farà con coraggio e decisione, senza timidezza". Allo stesso tempo, "non si può non rilevare che le ultime raccomandazioni pubblicate dal Comitato appaiono presentare - a giudizio di chi ha ben seguito il processo che le ha precedute - limiti gravi. Non hanno tenuto conto adeguato delle risposte, sia scritte, sia orali, date dai rappresentanti della Santa Sede. Chi ha letto e ascoltato queste risposte non ne trova riflessi proporzionati nel documento del Comitato, tanto da far pensare che esso fosse praticamente già scritto o perlomeno nettamente impostato prima dell'audizione". In particolare "sembra grave la non comprensione della natura specifica della Santa Sede. E' vero che si tratta di una realtà diversa dagli altri Stati e questo rende meno facile comprenderne ruolo e responsabilità. Ma ciò è stato spiegato molte volte dettagliatamente nei vent'anni e più di adesione alla Convenzione e in particolare nelle recenti risposte scritte. Non si è capaci di capire o non si vuole capire? In ambedue i casi si ha diritto a stupirsi". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fca
Fca,Gentiloni a Merkel: omologazione spetta a autorità italiane
Brexit
Brexit,Gentiloni:May fa chiarezza, Ue pronta a discutere con Gb
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Scuola
Mattarella: scuole hanno ruolo fondamentale anche all'estero
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina