mercoledì 07 dicembre | 18:16
pubblicato il 05/ott/2012 18:30

Vaticano/ Domani chiude processo a maggiordomo tra ombre e luci

Verso condanna e grazia, incertezza su dopo, complici e movente

Vaticano/ Domani chiude processo a maggiordomo tra ombre e luci

Città del Vaticano, 5 ott. (askanews) - E' stato un processo 'pubblico', l'imputato aveva una difesa di fiducia, un 'pool' di giornalisti ha potuto accedere all'aula di tribunale alle spalle della basilica di San Pietro e raccontare le udienze. Il procedimento-lampo a carico del maggiordomo del Papa, Paolo Gabriele, si conclude domani, ad appena una settimana dalla prima udienza sabato scorso, dopo tre sedute, l'audizione di otto testimoni, e la deposizione dello stesso Paolo Gabriele. E alla vigilia di due importanti appuntamenti per il Vaticano, l'avvio del sinodo sulla Nuova evangelizzazione (domenica) e dell'anno della fede (l'11 ottobre). Ora il maggiordomo, quasi sicuramente, verrà condannato a quattro o sei anni. Il caso Vatileaks, la fuga di documenti riservati trafugati o fotocopiati dall'imputato, però, non sarà concluso. Restano in sospeso ancora molte questioni che il processo non ha chiarito. Sin dalla sentenza di rinvio a giudizio, innanzitutto, la magistratura vaticana ha precisato che il dibattimento si sarebbe concentrato sul solo reato di furto aggravato delle carte della Santa Sede. E' restato fuori, dunque, ogni altro possibile capo di imputazione, quale il delitto contro i poteri dello Stato, il vilipendio delle istituzioni dello Stato, la calunnia, la diffamazione, la violazione dei segreti. La posizione del secondo imputato, il tecnico informatico della segreteria di Stato Claudio Sciarpelletti, e con lui i testimoni chiamati dalla difesa (tra gli altri, mons. Carlo Maria Polvani della segreteria di Stato), è stata poi stralciata alla prima udienza. E il presidente del tribunale Giuseppe Dalla Torre ha spiegato nel corso del dibattimento che nello stralcio è finito anche l'accertamento del materiale informatico trovato a casa del maggiordomo. Sebbene la stessa requisitoria del 'promotore di giustizia' (pm) Nicola Picardi facesse intravedere il ruolo ambiguo svolto da altre persone - coperte da omissis nel dispositivo pubblicato ad agosto - il processo che si conclude domani non ha riguardato i possibili complici di Paolo Gabriele, che è rimasto pertanto l'imputato unico del caso Vatileaks. Anche dalla deposizione dello stesso maggiordomo non è emerso un quadro nitido. Non è chiaro, cioè, in che modo - per usare un termine dell'imputato - egli si sia sentito "suggestionato" dalle sette persone che ha menzionato (tra di esse due cardinali, Sardi e Comastri, quest'ultimo ieri ha pranzato a Loreto con il Papa). Né il presidente del tribunale ha voluto approfondire identità e ruolo di un personaggio-chiave quale il confessore di Paolo Gabriele, "padre Giovanni", al quale l'ex assistente di camera del Pontefice afferma di aver dato copia di tutti i documenti posseduti illecitamente. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi e Pd pronti a governo istituzionale: ma con numeri larghi
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni