martedì 06 dicembre | 09:31
pubblicato il 08/feb/2012 20:30

Vaticano/ Asse dell'Iran con il Papa: Lo attendiamo a Teheran

Ambasciatore: Siamo Stati religiosi.E attacca Israele su nucleare

Vaticano/ Asse dell'Iran con il Papa: Lo attendiamo a Teheran

Roma, 8 feb. (askanews) - Agli ospiti offre succo di frutta, mele e arance. Sottolinea che non era necessario, ma ringrazia le giornaliste presenti per l'accortezza di avere indossato un velo che ricopre i capelli, "come la Vergine Maria". Precisa, comunque, che l'islam prevede solo la copertura del capo femminile, e fa l'esempio di sua moglie e sua figlia: "Non si coprono il viso, solo i capelli". L'ambasciatore dell'Iran presso la Santa Sede, Ali Akbar Naseri, riceve un gruppo di cronisti italiani in vista del 33esimo anniversario della rivoluzione islamica di Khomeini (11 febbraio 1979) nella elegante residenza romana, a poche centinaia di metri dalla Farnesina. Il diplomatico - un religioso col turbante che dal 2009 ha preso il posto dell'ambasciatore laico Faridzadeh Mohammad Jarad - parla nella sua lingua con l'aiuto di un traduttore. Risponde con cortesia a tutte le domande. Alterna un linguaggio abrasivo quando si tratta degli Stati Uniti e, soprattutto, di Israele, un tono persuasivo quando affronta il tema del nucleare e delle sanzioni internazionali, parole entusiaste quando parla del Papa. L'Iran accoglierebbe "molto volentieri" Benedetto XVI in visita, spiega l'ambasciatore iraniano. Il religioso ricorda che nel 2010 il cardinale Jean-Louis Tauran si è recato a Teheran per un incontro interreligioso ed ha consegnato al presidente iraniano una lettera di Benedetto XVI. "In quell'occasione - rivela l'ambasciatore - il presidente Ahmadinejad disse al cardinale Tauran che se il Papa venisse in Iran sarebbe accolto con grande entusiasmo". Il Papa, in realtà, riceve molti inviti, e seppure dal Vaticano non giunge alcuna smentita ufficiale filtra la precisazione che un viaggio a Teheran non è all'ordine del giorno. Ma la disponibilità degli iraniani la dice comunque lunga della buona disposizione nei confronti della Santa Sede. "Roma è il centro della cattolicità, l'Iran è una repubblica islamica, si tratta di due Stati di carattere religioso", spiega l'ambasciatore. Le relazioni sono "molto buone", "sincere", "cordiali". E di fronte ad un ampio fronte di paesi ostili nei confronti della Repubblica islamica dell'Iran - ma questo l'ambasciatore non lo dice - la Santa Sede è una delle poche cancellerie occidentali (almeno per posizione geografica) che non ha, nei confronti dell'Iran, preclusioni diplomatiche.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari