giovedì 08 dicembre | 18:05
pubblicato il 29/mag/2012 19:50

Vaticano/ 'Avvenire' pro Gotti Tedeschi, partita aperta su Ior

Riunione cardinali per nuovo presidente non ancora in calendario

Vaticano/ 'Avvenire' pro Gotti Tedeschi, partita aperta su Ior

Città del Vaticano, 29 mag. (askanews) - Sono sole poche righe, ma nel linguaggio ecclesiale possono segnalare un posizionamento, o quanto meno una presa di distanze. Sono le righe che il direttore di 'Avvenire', il giornale della Cei, ha dedicato oggi a Ettore Gotti Tedeschi, il presidente dello Ior sfiduciato dal 'board' della banca vaticana a valle di un crescente dissidio con la segreteria di Stato del cardinale Tarcisio Bertone. Parole di apprezzamento che marcano un'altra incrinatura nella convulsa vita che attraversa in questi giorni la Chiesa. Molti lettori scrivono in questi giorni ad 'Avvenire' per esprimere "amore per la Chiesa e per il Papa, sconcerto e dolore, razionalità e passione, amarezza e speranza, indignazione e preghiera" dopo lo scandalo della fuga di notizie (Vatileaks) e l'arresto del maggiordomo di Benedetto XVI. Uno di loro parla di Gotti Tedeschi e lo collega ad un'altra vicenda tanto clamorosa quanto indicativa delle frizioni che all'epoca emersero tra Conferenza episcopale italiana e Santa Sede: "Dopo la sofferta intervista rilasciata a Tv2000 dall'eccellente cattolico Dino Boffo in merito alla sua vicenda personale - scrive il lettore - bisogna tornare a registrare un'altra amarezza che si somma alle molte di questi giorni: le forzate dimissioni del presidente dello Ior, Ettore Gotti Tedeschi. Mi permetta di essere del tutto scettico sulle motivazioni addotte per defenestrare l'economista ed esperto di banche che si era messo al servizio del Vaticano". Seguono elogi all'ormai ex presidente dello Ior, alle quali il direttore Marco Tarquinio risponde: "Anch'io stimo molto Ettore Gotti Tedeschi. Nel mio lavoro di giornalista ho avuto modo di conoscerne il valore professionale, la dedizione e la generosità nel tentare, in diversi campi, di risolvere in modo limpido i problemi aperti guardando sempre a un bene più grande. E da cattolico annoto che, pur in un momento di grande sofferenza personale, il suo costante, delicato e prioritario pensiero è stato ed è per Papa Benedetto. Penso - conclude Tarquinio - che questo confermi su di lui qualcosa di importante". Il direttore di 'Avvenire' è giornalista indipendente e non esprime la posizione ufficiale della Cei. La riprova, se ce ne fosse bisogno, è che proprio pochi giorni fa, interpellato proprio sulla recente intervista di Boffo e sulla sua polemica con il direttore dell''Osservatore romano' Giovanni Maria Vian, il presidente dei vescovi italiani, card. Angelo Bagnasco, ha risposto, secco: "Ognuno è responsabile di quello che dice, se c'è qualcosa da chiedere di ulteriore bisognerà farlo, con l'uno o con l'altro, se si ritiene". Non c'è, insomma, un endorsement della causa di Gotti Tedeschi da parte della Cei. Ma è comunque sintomatica - e non è passata inosservata in Vaticano - la nettezza del giornale dell'episcopato italiano esprime pubblico apprezzamento all'uomo 'scaricato' dal Vaticano. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi: ok nuovo governo ma appoggiato da tutti, non temiamo voto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni