domenica 26 febbraio | 20:15
pubblicato il 05/ott/2013 12:41

Vajont: Realacci, investire su prevenzione e difesa suolo

Vajont: Realacci, investire su prevenzione e difesa suolo

(ASCA) - Roma, 5 ott - ''Investire su prevenzione e difesa suolo per non dimenticare e garantire sicurezza a cittadini''. Lo afferma Ermete Realacci (Pd), presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera, oggi in visita alla diga del Vajont e a Longarone insieme al deputato Roger De Menech, al Sindaco di Longarone Roberto Padrin e ad altri parlamentari del Pd.

''Le Nazioni Unite nel 2008 - continua Realacci - hanno dichiarato il Vajont un caso esemplare di ''disastro evitabile'. Oggi, alla vigilia del 50esimo anniversario della tragedia, il modo migliore per ricordare le 1.917 vittime innocenti del Vajont sarebbe che l'Italia si dotasse di un piano nazionale di prevenzione del rischio idrogeologico e messa in sicurezza del territorio, destinando a tale piano finanziamenti adeguati. Proprio per questo la Commissione Ambiente della Camera ha approvato all'unanimita' una mia risoluzione, sottoscritta da tutti i gruppi politici, che impegna il Governo a stanziare 500 milioni annui per la difesa del suolo, a rivedere il Patto di Stabilita' interno per consentire agli Enti Locali che hanno risorse di investirle in interventi di prevenzione e manutenzione del territorio e di contrasto al dissesto idrogeologico, e a garantire risorse appropriate al buon funzionamento della Protezione Civile. La risoluzione impegna inoltre l'esecutivo ad agire a livello europeo per inserire tra le priorita' della politica comune anche la prevenzione e la tutela del territorio dal rischio idrogeologico''. ''In un Paese come l'Italia - conclude Realacci - dove secondo dati Ance/Cresme frane e alluvioni solo negli ultimi 10 anni (2002/2012) hanno fatto 290 vittime, in cui come ricorda Legambiente spendiamo un milione di euro al giorno solo per riparare ai danni del maltempo e in cui nell'82% dei comuni sono presenti zone a elevata esposizione al rischio idrogeologico, e' prioritario passare dalle parole ai fatti e attuare finalmente serie politiche di prevenzione, messa in sicurezza e manutenzione del suolo. Un impegno che dobbiamo agli italiani e al nostro fragile territorio e che puo' aiutare anche a rilanciare la nostra economia''.

com-ceg/vlm/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech