lunedì 23 gennaio | 11:40
pubblicato il 05/ott/2013 12:41

Vajont: Realacci, investire su prevenzione e difesa suolo

Vajont: Realacci, investire su prevenzione e difesa suolo

(ASCA) - Roma, 5 ott - ''Investire su prevenzione e difesa suolo per non dimenticare e garantire sicurezza a cittadini''. Lo afferma Ermete Realacci (Pd), presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera, oggi in visita alla diga del Vajont e a Longarone insieme al deputato Roger De Menech, al Sindaco di Longarone Roberto Padrin e ad altri parlamentari del Pd.

''Le Nazioni Unite nel 2008 - continua Realacci - hanno dichiarato il Vajont un caso esemplare di ''disastro evitabile'. Oggi, alla vigilia del 50esimo anniversario della tragedia, il modo migliore per ricordare le 1.917 vittime innocenti del Vajont sarebbe che l'Italia si dotasse di un piano nazionale di prevenzione del rischio idrogeologico e messa in sicurezza del territorio, destinando a tale piano finanziamenti adeguati. Proprio per questo la Commissione Ambiente della Camera ha approvato all'unanimita' una mia risoluzione, sottoscritta da tutti i gruppi politici, che impegna il Governo a stanziare 500 milioni annui per la difesa del suolo, a rivedere il Patto di Stabilita' interno per consentire agli Enti Locali che hanno risorse di investirle in interventi di prevenzione e manutenzione del territorio e di contrasto al dissesto idrogeologico, e a garantire risorse appropriate al buon funzionamento della Protezione Civile. La risoluzione impegna inoltre l'esecutivo ad agire a livello europeo per inserire tra le priorita' della politica comune anche la prevenzione e la tutela del territorio dal rischio idrogeologico''. ''In un Paese come l'Italia - conclude Realacci - dove secondo dati Ance/Cresme frane e alluvioni solo negli ultimi 10 anni (2002/2012) hanno fatto 290 vittime, in cui come ricorda Legambiente spendiamo un milione di euro al giorno solo per riparare ai danni del maltempo e in cui nell'82% dei comuni sono presenti zone a elevata esposizione al rischio idrogeologico, e' prioritario passare dalle parole ai fatti e attuare finalmente serie politiche di prevenzione, messa in sicurezza e manutenzione del suolo. Un impegno che dobbiamo agli italiani e al nostro fragile territorio e che puo' aiutare anche a rilanciare la nostra economia''.

com-ceg/vlm/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4