domenica 26 febbraio | 18:11
pubblicato il 21/mag/2014 12:02

Universita'/Medicina: Giannini, pensiamo di adottare modello francese

(ASCA) - Padova, 21 mag 2014 - ''Ho pensato di rivisitare subito il sistema di selezione per gli studi di medicina perche' quello dei test non ha dato finora prova di essere il migliore possibile. Quindi i prossimi tre mesi saranno dedicati a studiare un modello alternativo. Ci stiamo ispirando a quello francese che e' un modello collaudato da molti anni, anche perche' la Francia e' paragonabile al nostro paese sia come sistema pubblico centralizzato con autonomia degli atenei per la gestione''. Cosi' il ministro dell'Istruzione Stefania Giannini, questa mattina a Padova per un incontro elettorale.

''Quindi quello da adottare potrebbe essere il modello francese con eventuali correttivi - ha proseguito - ma quello che tengo a precisare e' che la mia volonta' e' quella di assicurare il miglior sistema selettivo possibile. Cioe' dobbiamo puntare alla qualita' sia della formazione che della valutazione e del reclutamento degli studenti. I problemi strutturali e organizzativi sono problemi che si risolveranno a valle del processo di cambiamento. Non si puo' invertire la logica''. fdm/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech