venerdì 20 gennaio | 19:45
pubblicato il 21/mag/2014 13:50

Universita': Zaia a Giannini, resta aperta questione borse di studio

(ASCA) - Venezia, 21 mag 2014 - ''Che il ministro Giannini venga a Padova, sede di una delle piu' prestigiose Universita' d'Italia e culla dell'insegnamento delle scienze mediche da tempi immemori, a confermare cio' che dico da novembre 2013, e cioe' che vanno aboliti numero chiuso e test d'accesso stile lotteria a Medicina, per far posto ad una severa selezione meritocratica, costituisce da parte sua un impegno forte. Ora pero', tra il dire e il fare non va messo di mezzo il mare. Bisogna solo fare, presto e bene, per rendere attiva questa riforma gia' dall'anno scolastico prossimo''. Con queste parole il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, commenta le dichiarazioni fatte oggi dal Ministro dell'Istruzione Stefania Giannini a Padova, a margine di un incontro elettorale.

''Peccato - aggiunge il presidente del Veneto - che si sia scelto il momento di votare per condividere con noi questa battaglia di equita'. Il futuro dei nostri giovani, di quelli che saranno i medici di domani, e che, almeno per quel che ci riguarda, avranno la missione di mantenere e innalzare il livello scientifico e qualitativo della nostra sanita', va ben oltre il contingente momento elettorale e riguarda i prossimi decenni. Mi auguro - conclude il Governatore - che, passato il momento delle crocette sulla scheda elettorale, non torni in auge quello delle crocette su test d'ingresso umilianti, inutili, ridicoli nel contenuto e discriminanti negli effetti''.

''Mi spiace invece - aggiunge il presidente - non aver sentito una parola sulla questione delle borse di studio per gli specializzandi, dopo che il Veneto ha ottenuto dalla Consulta il via libera ad assegnare quelle finanziate dalla Regione a studenti residenti o comunque iscritti alle nostre Universita'. Una vittoria che apre un capitolo nuovo e rilevantissimo rispetto all'autonomia universitaria che ci spetta: non solo le borse finanziate dalle Regioni, ma anche quelle statali andrebbero gestite alla stessa maniera e andare a sostegno dei giovani medici che si sono formati sul territorio e intendono dare a quel territorio il loro contributo di entusiasmo e professionalita' nel futuro''.

fdm/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4