lunedì 27 febbraio | 20:13
pubblicato il 24/mar/2014 12:46

Universita': Vendola, vero avamposto della legalita'

Universita': Vendola, vero avamposto della legalita'

(ASCA) - Bari, 24 mar 2014 - ''L'Universita' e la scuola sono il principale avamposto nella lotta per la legalita'''.

Cosi' il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola intervenendo questa mattina presso il Teatro Petruzzelli di Bari, all'inaugurazione dell'anno accademico 2013/2014 dell'Universita' degli Studi di Bari.

Vendola ha voluto ricordare in apertura del suo intervento istituzionale le vittime del triplice omicidio di mafia dello scorso 17 marzo a Palagiano e la marcia per la legalita' organizzata per questa mattina dall'Associazione Libera di Don Luigi Ciotti.

''C'e' un altro luogo - ha detto Vendola - oggi in Puglia in cui c'e' bisogno di evocare cultura, educazione e formazione.

Oggi a Palagiano marceranno in migliaia a difesa del territorio, per la giustizia e la legalita'''.

Nel corso del suo intervento, il Presidente della Regione Puglia si e' poi soffermato sulla preoccupante situazione relativa al personale delle Universita' statali pugliesi e, piu' in generale, meridionali. ''Nessuna comunita' - ha detto - puo' tutelarsi e competere senza un investimento strategico in istruzione, alta formazione e ricerca. Gli Atenei del Mezzogiorno sono sottoposti ad una sorta di dieta obbligatoria. Non solo sono obbligati ad un dimagrimento al limite del collasso, ma sono anche colpevolizzate e raccontate, sulla base di parametri spesso falsi, come luoghi della corruzione e dello sperpero. Sono operazioni inaccettabili, talvolta coperte dalla burocrazia ministeriale. In questo modo, si condanna il sistema universitario meridionale ad un destino di marginalita' ed insignificanza. A questa operazione noi ci ribelliamo, perche' il Sud merita di avere, anche con onore, le proprie Universita' e il proprio mondo accademico''. ''Noi - ha evidenziato Vendola - abbiamo bisogno delle Universita': non c'e' futuro economico e non c'e' sviluppo civile per i nostri territori, se non investiamo nelle Universita'. Qui in Puglia abbiamo consentito a molti ragazzi, a molti studenti di talento, di non veder negata la propria idea di futuro in ragione delle proprie condizioni economiche''.

''Abbiamo aiutato gli Atenei - ha spiegato il Presidente della Regione Puglia - perche' vogliamo continuare a chiedere al governo centrale di essere valutati per quello che facciamo e non per i pregiudizi e per i luoghi comuni che danzano attorno alle nostre Universita'''.

''Noi non siamo sudisti - ha concluso Vendola - siamo meridionalisti: pensiamo che amare il Sud significhi anche raccontarne le patologie e denunciarne le piaghe. Pero' non vogliamo essere prigionieri di una caricatura e di una banalizzazione. La difesa del Sud comincia dalla difesa dei suoi Atenei. Per questo oggi siamo qui, non solo per celebrare la fatica e l'impegno dell'Accademia. Siamo qui a difendere la nostra terra''. res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech