domenica 04 dicembre | 05:14
pubblicato il 02/ago/2014 16:05

Universita': interrogazione Sel su concorso docenti in ateneo telematico

(ASCA) - Roma, 2 ago 2014 - Una commissione di una universita' telematica che in poche ore sforna un docente universitario ogni 1/2 ora, una commissione non all' altezza della situazione. Il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini, che cosa ne pensa? E l'autorita' giudiziaria non ha nulla da dire?. Lo chiede Sel in un'interrogazione parlamentare presentata al Senato dai suoi sette senatori Petraglia, De Petris, Barozzino, Cervellini, De Cristofaro, Stefa'no e Uras. Il caso e' stato sollevato dal quotidiano 'Il Secolo XIX', che racconta - come poi riportato nell'atto parlamentare - della commissione targata Ecampus alle prese con la nuova selezione degli insegnanti di questa universita' telematica, legata al Cepu. La commissione, formata da quattro professori di diverse materie, e dal direttore generale, ''ha aperto e chiuso otto concorsi in poco piu' di nove ore, valutando complessivamente 19 candidati e proclamandone 8 vincitori nelle materie di ingegneria, giurisprudenza, storia contemporanea e filosofia politica. Sono stati necessari quindi solo 28 minuti e mezzo per ogni nuovo docente universitario. Risulterebbe che nessuno dei cinque commissari sia inquadrato nei settori scientifico-disciplinari messi a concorso e quindi nessun commissario possiede sulla carta la competenza per selezionare i candidati. I concorrenti non sarebbero stati sottoposti alla valutazione, prevista per legge, delle pubblicazioni scientifiche, dei curricula, delle attivita' didattiche perche', riferisce il rettore dell'Ecampus, tutti i candidati avevano gia' superato l'abilitazione scientifica nazionale e per il regolamento interno dell'ateneo la valutazione scientifica non e' necessaria''. Tuttavia, obiettano i senatori di Sel nell'atto parlamentare, ''l'abilitazione scientifica nazionale rilascia un certificato di idoneita', non una cattedra, e' una pre-selezione, cui segue il concorso, bandito dall'universita' interessata, che prevede una valutazione dei partecipanti, della loro carriera, delle attivita' didattiche''. E' per questo che Sel vuole sapere se il ministro Giannini ''non ritenga di dover effettuare un'indagine nelle universita' telematiche riconosciute, verificare i regolamenti e le pratiche in uso''. E ''se non ritiene che il mancato rispetto delle leggi, da parte di queste universita', non costituisca una disparita' di trattamento e se non creda necessario rivedere i riconoscimenti alle suddette universita'''.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari