sabato 25 febbraio | 10:53
pubblicato il 10/set/2013 10:49

Universita': Andu, numero chiuso e' inutile violenza

Universita': Andu, numero chiuso e' inutile violenza

(ASCA) - Roma, 10 set - Le organizzazioni di tutte le componenti dell'Universita' chiedono, in una nota dell'Andu (associazione nazionale docenti universitari), ''l'eliminazione di uno strumento iniquo di limitazione all'accesso all'Universita' e che limita la liberta' di scelta dello studente nel potere seguire le proprie aspirazioni. Invece anche l'attuale Ministro dell'Istruzione, della Ricerca e dell'Universita' si ostina a non accogliere questa richiesta sensata e sta cercando tempi e modi 'nuovi' per correggere ancora una volta un meccanismo introdotto anni fa senza validi motivi''.

''Carrozza - scrive ancora l'Andu - ritiene che il numero chiuso in Italia sia necessario, per due motivi. L'accesso ad alcune professioni va contingentato rispetto ai bisogni del paese: spesso formiamo persone che poi vanno a esercitare all'estero. E il numero chiuso e' legato alla disponibilita' di attrezzature: non si puo' aumentare indiscriminatamente il numero degli studenti, ogni ragazzo ha diritto a un insegnamento di qualita'''.

Secondo l'Andu, le ragioni del ministro - sbocchi professionali e qualita' dell'insegnamento -, se applicati 'coerentemente', dovrebbero portare, come in parte sta gia' accadendo, all'estensione del numero chiuso a tutti i corsi di studio, per assicurare a tutti gli studenti sbocchi e qualita' degli insegnamenti.

Ma, scrivono i docenti, ''a parte la pretesa di prevedere-programmare gli sbocchi professionali in Italia e a parte la violenza sui giovani da contingentare e 'intruppare' d'ufficio da parte di un Ministero che ha sempre esclusivamente ascoltato e rispettato gli interessi della Confindutria e dell'accademia che conta, che senso ha limitare il numero dei laureati quando e' noto a tutti che il numero di quelli italiani andrebbe invece raddoppiato, se si volesse raggiungere l'obiettivo europeo (40%), o andrebbe comunque fortemente aumentato se si volesse raggiungere l'attuale media europea (32,5%)?''.

red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Pd
Pd, commissione unanime: primarie 30 aprile. Renziani: via alibi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech