domenica 11 dicembre | 01:20
pubblicato il 22/mar/2011 17:40

Unità Italia/ Maggioranza battuta al Senato,ddl su festa in Aula

Lega non vota in commissione, Pd e Idv: "sono in difficoltà"

Unità Italia/ Maggioranza battuta al Senato,ddl su festa in Aula

Roma, 22 mar. (askanews) - Nonostante la debacle della maggioranza in commissione Affari Costituzionali del Senato, dove oggi è stata battuta col risultato che è passato un emendamento dell'Idv che impone la celebrazione ogni anno del 17 marzo come giorno dell'indipendenza nazionale, il testo del ddl che converte in legge la festa di celebrazione del 150esimo anniversario dell'Unità d'Italia approda all'Aula di palazzo Madama. Il dato politico più rilevante della sconfitta della maggioranza in commissione, però, non è il contenuto dell'emendamento Idv, che verrà corretto dall'Aula, quanto piuttosto la difficoltà della discussione su questo ddl, sul quale si registra la mancata partecipazione al voto da parte dei senatori leghisti. Gli esponenti del Carroccio, infatti, non hanno votato in commissione, dove pure il mandato al relatore Andrea Pastore (Pdl) è passato a larghissima maggioranza. Certo, i leghisti hanno assicurato che domani mattina voteranno il testo finale del ddl, ma quel che teme il Pdl, adesso, è una qualche sorta di imboscata in Aula, con qualche capitombolo su emendamenti presentati dall'opposizione. Intanto, dai banchi della minoranza si alzano voci molto critiche nei confronti del Carroccio. Per Enzo Bianco, capogruppo del Pd in commissione Affari Costituzionali del Senato, "il Pdl ha deciso di votare contro l'emendamento dell'Idv che trasformava il 17 marzo di ogni anno nella 'Giornata dell'indipendenza della nazione e della indivisibilità della Repubblica', dimostrando una subordinazione inaccettabile al Carroccio. La Lega, inoltre, ha deciso di non partecipare al voto finale in commissione sul decreto che ha istituito festa del 17 marzo. l'ennesimo sfregio a un valore e a un sentimento che unisce il Paese intero, da Nord a Sud". Anche da Francesco Pancho Pardi, senatore dell'Idv, parole di biasimo nei confronti della maggioranza, che appare "in difficoltà anche a palazzo Madama". La maggioranza, infatti, secondo il senatore è andata sotto due volte, una volta sull'emendamento al ddl del 17 marzo, l'altra sul parere al ddl sul nucleare. "Gli assenti di Pdl e Lega in commissione non sono stati sostituiti da loro colleghi, segno evidente - è la constatazione di Pardi - dello sfaldamento della maggioranza".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina