domenica 22 gennaio | 09:27
pubblicato il 27/gen/2016 19:55

Unioni civili, voto a febbraio ma sulle adozioni Pd ancora diviso

Accordo con Fi-Lega, via ostruzionismo Marcucci ritira il canguro

Unioni civili, voto a febbraio ma sulle adozioni Pd ancora diviso

Roma, 27 gen. (askanews) - Il voto sulle unioni civili arriverà a febbraio, probabilmente dopo l'11. Grazie ad un accordo con le opposizioni sui tempi, in base al quale domani non ci sarà il primo voto, quello sulle pregiudiziali di costituzionalità ma solo la discussione generale, il Pd ha ottenuto il ritiro del 90 per cento degli emendamenti, ostruzionistici, e di conseguenza anche la minaccia del 'canguro' è stata sventata. Come ha assicurato il senatore Andrea Marcucci, autore dell'emendamento che avrebbe fatto decadere la gran parte delle proposte di modifica. "Sul tavolo c'è la nostra piena disponibilità a ritirare l'emendamento remissivo che abbiamo presentato all'articolo 1 del ddl sulle unioni civili - ha spiegato -. Prendiamo atto con soddisfazione dell'impegno assunto dai presidenti di Lega e di Forza Italia, Centinaio e Romani".

Superato il primo ostacolo, però, i dem non hanno ancora sciolto i problemi interni. Nonostante il voto unanime di ieri sull'impianto del ddl Cirinnà, resta lo scoglio delle adozioni su cui ieri i cattolici hanno rilanciato sollevando un problema non solo sull'articolo 5 ma anche sull'articolo 3 del provvedimento, che a loro avviso conterrebbe già la possibilità di adottare il figlio del partner. Sono in corso quindi accertamenti interpretativi sulle norme che rallenteranno nei fatti la ricerca di un accordo. Alcuni tra i più disponibili della pattuglia dei 30 cattodem avrebbero aperto sull'emendamento Marcucci che ritarda di due anni l'adozione, ma lo stesso senatore renziano ha chiarito che non è possibile pensare ad una riformulazione del suo emendamento insieme a quello presentato da Vannino Chiti.

A rallentare le intese c'è anche l'attesa per la pronuncia della presidenza del Senato sulle ammissibilità degli emendamenti che arriverà solo al momento delle votazioni, quindi non prima di una settimana. Infine il Family day di sabato, sia da un lato che dall'altro del Pd, c'è attenzione per come andrà la manifestazione anti-unioni civili per quanto, fanno notare al Senato, quello sarà un raduno che interessa soprattutto il centrodestra.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4