giovedì 08 dicembre | 07:05
pubblicato il 27/gen/2016 19:55

Unioni civili, voto a febbraio ma sulle adozioni Pd ancora diviso

Accordo con Fi-Lega, via ostruzionismo Marcucci ritira il canguro

Unioni civili, voto a febbraio ma sulle adozioni Pd ancora diviso

Roma, 27 gen. (askanews) - Il voto sulle unioni civili arriverà a febbraio, probabilmente dopo l'11. Grazie ad un accordo con le opposizioni sui tempi, in base al quale domani non ci sarà il primo voto, quello sulle pregiudiziali di costituzionalità ma solo la discussione generale, il Pd ha ottenuto il ritiro del 90 per cento degli emendamenti, ostruzionistici, e di conseguenza anche la minaccia del 'canguro' è stata sventata. Come ha assicurato il senatore Andrea Marcucci, autore dell'emendamento che avrebbe fatto decadere la gran parte delle proposte di modifica. "Sul tavolo c'è la nostra piena disponibilità a ritirare l'emendamento remissivo che abbiamo presentato all'articolo 1 del ddl sulle unioni civili - ha spiegato -. Prendiamo atto con soddisfazione dell'impegno assunto dai presidenti di Lega e di Forza Italia, Centinaio e Romani".

Superato il primo ostacolo, però, i dem non hanno ancora sciolto i problemi interni. Nonostante il voto unanime di ieri sull'impianto del ddl Cirinnà, resta lo scoglio delle adozioni su cui ieri i cattolici hanno rilanciato sollevando un problema non solo sull'articolo 5 ma anche sull'articolo 3 del provvedimento, che a loro avviso conterrebbe già la possibilità di adottare il figlio del partner. Sono in corso quindi accertamenti interpretativi sulle norme che rallenteranno nei fatti la ricerca di un accordo. Alcuni tra i più disponibili della pattuglia dei 30 cattodem avrebbero aperto sull'emendamento Marcucci che ritarda di due anni l'adozione, ma lo stesso senatore renziano ha chiarito che non è possibile pensare ad una riformulazione del suo emendamento insieme a quello presentato da Vannino Chiti.

A rallentare le intese c'è anche l'attesa per la pronuncia della presidenza del Senato sulle ammissibilità degli emendamenti che arriverà solo al momento delle votazioni, quindi non prima di una settimana. Infine il Family day di sabato, sia da un lato che dall'altro del Pd, c'è attenzione per come andrà la manifestazione anti-unioni civili per quanto, fanno notare al Senato, quello sarà un raduno che interessa soprattutto il centrodestra.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni