giovedì 08 dicembre | 07:54
pubblicato il 02/feb/2016 18:05

Unioni civili, Senato respinge pregiudiziali e sospensive a ddl

110 iscritti in discussione generale per 21 ore

Unioni civili, Senato respinge pregiudiziali e sospensive a ddl

Roma (askanews) - L'assemblea del Senato ha respinto, con voto per alzata di mano, le otto questioni pregiudiziali poste sul ddl Cirinnà sulle unioni civili e, subito dopo, anche le tre sospensive presentate sullo stesso provvedimento.

Si è aperta ora la discussione generale sul ddl, con l'intervento della senatrice Monica Cirinnà del Pd, che è stata relatrice del ddl in commissione e che porta il suo nome.

Sono 110 i senatori iscritti a parlare nella fase di discussione generale sul ddl Cirinnà sulle unioni civili. Secondo i calcoli degli uffici questo potrebbe comportare fino a 21 ore di interventi, che porterebbe il dibattito a durare fino a mercoledì della settimana prossima. Si tratta ovviamente di calcoli ipotetitici, che vanno confortati dall'effettiva durata dei singoli interventi e in definitiva dall'accordo politico sullo svolgimento dell'esame del provvedimento.

Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni