lunedì 16 gennaio | 23:30
pubblicato il 14/gen/2016 15:28

Unioni civili, documento 37 deputati Pd: no a stepchild adoption

I promotori: è contributo a unità partito. Serve mediazione

Unioni civili, documento 37 deputati Pd: no a stepchild adoption

Roma, 14 gen. (askanews) - Un documento condiviso da 37 deputati del Pd sulle unioni civili chiede di modificare alcuni aspetti del ddl Cirinnà in discussione al Senato. Tra questi la stepchild adoption.

"Condividiamo la necessità di intervenire e l'impostazione del ddl ma su alcuni punti serve uno sforzo ulteriore per trovare un'unità più larga possibile", ha spiegato Alfredo Bazoli durante una conferenza stampa a Montecitorio illustrando i tre aspetti "su cui chiediamo un supplemento di riflessione: il primo è sui diritti e doveri delle coppie omosessuali. Nel testo attuale è fatta in maniera pressochè pedissequa con il rinvio alle norme del codice civile sul matrimonio, il che produce effetti contraddittori o ambigui. Per essere coerenti con l'idea dell'istituto autonomo rispetto al matrimonio occorre non ricalcare diritti e doveri per il matrimonio omosessuale. Questo non comporta un prezzo politico".

Il secondo punto è "il riferimento all'articolo 2 della Costituzione come cardine delle unioni civili e infine sulla stepchild adoption abbiamo alcune perplessità e riserve - ha detto ancora Bazoli - e chiediamo o lo stralcio dell'articolo 5, da rinviare ad una rivisitazione complessiva degli istituti paragenitoriali che necessitano di un tagliando, oppure che si faccia uno sforzo per rendere la norma più rigorosa possibile e evitare che, anche indirettamente, si legittimino o incentivino comportamenti antigiuridici nel nostro sistema", ossia l'utero in affitto.

"Con questo documento - spiegano i proponenti - ci proponiamo di offrire un contributo alla discussione in corso. Noi abbiamo a cuore l'unità Pd e riteniamo che su argomenti su cui si registrano posizioni divergenti si trovi una sintesi più alta e migliore possibile".

"L'iniziativa - è stato spiegato - è stata assunta senza voler interferire con il Senato ma poichè la decisione Pd è stata quella di fare in modo che il testo che uscirà dal Senato verrà blindato alla Camera o noi interveniamo adesso, in questa fase, oppure ci consegnavamo al silenzio e all'irrivlenaza. E' vero che c'è la bicameralina che sta lavorando ma questa iniziaitva è in linea con la bicameralina".

Ernesto Preziosi ha chiarito che "questa componente è trasversale, non è composta solo di cattolici, non c'è una posizione marcata dei cattolici e infatti non c'è nessun riferimento confessionale" nel documento.

Infine Bazoli ha assicurato che "Renzi non ha dato nessun avallo a questa iniziativa. E' tutta parlamentare".

(segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello