domenica 26 febbraio | 06:24
pubblicato il 17/feb/2016 19:40

Unioni civili di nuovo in stand by, Senato fermo una settimana

Rottura Pd-M5s sul canguro. Cirinnà: pagherò mia responsabilità

Unioni civili di nuovo in stand by, Senato fermo una settimana

Roma, (askanews) - Time out del Senato per il disegno di legge Cirinnà sulle unioni civili. L'esame dell'aula di Palazzo Madama è stato sospeso per una settimana, dopo l'annuncio del voto contrario del Movimento 5 Stelle all'emendamento Marcucci, il cosiddetto "supercanguro", ideato dal Pd per eliminare la maggior parte delle proposte di modifica al testo.

È la decisione presa dalla conferenza dei capigruppo del Senato dopo che il presidente del Pd, Luigi Zanda ha chiesto "una pausa di riflessione per individuare i percorsi che possano consentire di proseguire in modo anche ordinato i lavori dell'aula" e tali da non costringere a "buttare a mare il lavoro

fatto".

La richiesta di rinvio del Pd in aula ha scatenato vivaci reazioni ed è stata bocciata dal Movimento 5 Stelle che chiede il ritiro degli emendamenti "farlocchi" e di votare nel merito.

La Lega Nord con Calderoli ha invitato a "ritirare prima il Marcucci e poi ragionare su un rinvio dell'esame. Contro il rinvio tout court anche Forza Italia che auspica la contestuale "riapertura dei contenuti del ddl" e un suo ritorno in commissione con l'approfondimento della giunta per il regolamento sull'ammissibilità del Marcucci.

Esultano invece i cattodem che ora possono avanzare richieste e pretese con una forza finora insperata.

Nel frattempo la senatrice Monica Cirinnà affida a Facebook la sua delusione: "ho sbagliato a fidarmi di MoVimento 5 Stelle al Senato - ha scritto - e se legge sulle #unionicivili diventerà una schifezza sono pronta a togliere la firma e a lasciare la politica".

"Pagherò il mio errore e chiuderò la mia carriera politica con questo scivolone - ha poi chiarito con i giornalisti - ma voglio che la genesi del ddl sulle unioni civili sia ben chiara: abbiamo scritto la legge in tre, io, Lumia e Tonini e quel testo è frutto dell'accordo di tutto il partito".

L'ufficio di presidenza del gruppo Pd al Senato, dal canto suo, ha confermato il sostegno alla legge sulle unioni civili, compresa la stepchild adoption.

Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech