martedì 06 dicembre | 06:47
pubblicato il 11/mag/2016 08:57

Unioni civili, Costa: giusto che lo Stato riconosca diritti

"Vittoria del buon senso. Ora sostegno alla famiglia"

Unioni civili, Costa: giusto che lo Stato riconosca diritti

Roma, 11 mag. (askanews) - L'approvazione della legge sulle unioni civili è "un riconoscimento di sensibilità che si sono manifestate sempre con maggior forza nel corso degli anni. Ed è giusto che lo Stato non solo ne prenda atto ma svolga una attività significativa, che vada nel senso di una regolamentazione". Lo afferma il ministro per gli Affari regionali e la famiglia Enrico Costa (Ncd) in una intervista a "Il Messaggero".

"La considero - aggiunge - una vittoria del buon senso ma anche il frutto dell'esperienza parlamentare. Le norme che reggono nel corso degli anni sono le norme condivise: auspico che sul tema delle unioni civili ci sia domani (oggi per chi legge, ndr) la più ampia condivisione. Se avessimo avuto un testo diverso, magari forzando, oggi il consenso sarebbe stato molto fragile e probabilmente questa norma con la stepchild adoption si sarebbe talmente appesantita e ingarbugliata che non sarebbe diventata legge". Quindi "noi restiamo convinti che questa sia una norma condivisa dalla stragrande maggioranza del Paese. E se passa con un percorso equilibrato è grazie ad Area popolare che ha portato ad un testo condiviso".

Archiviata la legge, aggiunge Costa, "da domani potremo tornare ad affrontare le misure concrete a sostegno della famiglia, a cercare di invertire la denatalità che di anno in anno fa registrare numeri sempre più preoccupanti, a individuare forme di sostegno per le donne che devono conciliare il lavoro e l'educazione dei figli".

Costa parla anche dei tempi della prescrizione. "Allungare i tempi della prescrizione - sottolinea - significa allungare i tempi dei processi. Noi dobbiamo trovare dei rimedi, il modo di abbreviarli. Dico questo perché ho visto che alla Camera si dibatte dei reati contro la Pubblica amministrazione con una modifica normativa che allunga i tempi di prescrizione portandoli a oltre vent'anni. Ecco io penso che invece bisogna dare delle corsie preferenziali per accelerare"

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari