martedì 17 gennaio | 11:56
pubblicato il 21/gen/2016 16:21

Unioni civili, Cirinnà: emendamenti migliorativi su stepchild

Si chiarirà no ad automatismo e ultima parola a Tribunale dei minori

Unioni civili, Cirinnà: emendamenti migliorativi su stepchild

Roma, 21 gen. (askanews) - Domani, alla scadenza del termine per la presentazione degli emendamenti al ddl sulle unioni civili, al Senato ne saranno presentati alcuni "migliorativi" sull'articolo 5 che riguarda la stepchild adoption. Lo ha detto Monica Cirinnà, relatrice del testo, a Repubblicatv.

Gli emendamenti serviranno a spiegare "due cose fondamentali e molto tranquillizzanti: il primo punto che spiegheremo meglio è che non c'è automatismo" nell'adozione, "il secondo punto è che l'ultima parola sull'adozione verrà data al Tribunale dei minori - dice la senatrice del Pd -, una regola che esiste già dal 1983 ed è in vigore per le famiglie eterosessuali. L'unico faro è la tutela del bambino, l'interesse supremo del bambino che ha un vantaggio nell'avere un altro genitore".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Ricerca, tartaruga gigante ultimo pasto di squalo del Mesozoico
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Tempesta di neve in Tunisia: migliaia di auto intrappolate