lunedì 05 dicembre | 05:31
pubblicato il 10/set/2014 12:05

Un gesuita Usa "procuratore generale" vaticano sulla pedofilia

Geisinger succede a Oliver che va a commissione tutela infanzia (ASCA) - Citta' del Vaticano, 10 set 2014 - E' il gesuita statunitense Robert J. Geisinger, canonista, il nuovo "promotore di giustizia" vaticano presso la congregazione per la Dottrina della fede, una sorta di "procuratore generale" della Santa Sede sulla pedofilia e gli altri "crimini graviora" del diritto canonico. Lo ha nominato oggi Papa Francesco. Il ruolo, ricoperto fino al 2012 dal vescovo maltese Charles J. Scicluna, e' stato nel frattempo svolto da padre Robert W. Oliver, statunitense anch'egli, ex braccio destro del cardinale di Boston Sean O'Malley. Torna ora a collaborare con il porporato cappuccino, che e' membro del gruppo dei nove cardinali consiglieri del Papa (il cosiddetto C9) e coordinatore della neonata pontifica commissione per la Tutela dei minori. Jorge Mario Bergoglio ha infatti nominato Oliver segretario di questa struttura, che sinora non disponeva di un vero e proprio segretariato stabile a Roma.

Ska

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari