giovedì 08 dicembre | 22:57
pubblicato il 28/ott/2013 13:46

Umbria: Napolitano, Premio Citta' di Castello punto di riferimento

(ASCA) - Citta' di Castello, 28 ott - Il Premio letterario internazionale ''Citta' di Castello'' ha saputo ''nel tempo accreditarsi come punto di riferimento nel panorama letterario italiano'', rimarcando l'attenzione particolare dedicata ai mondi e alla culture dell'area del Mediterraneo.

E' uno stralcio del messaggio pervenuto dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, e letto durante la cerimonia di premiazione del concorso. Da quest'anno, infatti, e' stata attivata la sezione ''Mondi e Culture sulle sponde del Mediterraneo'' con l'obiettivo di promuovere la conoscenza, la cooperazione e l'interazione tra la cultura italiana e la cultura araba dei Paesi della Riva sud del Mediterraneo. ''Il Premio letterario ''Citta' di Castello' - ha sottolineato Antonio Vella, presidente dell'associazione culturale promotrice ''Tracciati virtuali' - e' l'unica iniziativa del genere in Italia che a partire da quest'anno avra' stabilmente una sezione speciale permanente dedicata a promuovere la conoscenza, la cooperazione e l'interazione tra la cultura italiana e la cultura araba dei Paesi della sponda Sud del Mediterraneo, soprattutto dopo i fermenti culturali che, anche se con risultati politici alterni, stanno ispirando le primavere arabe''. Per la prima edizione, il Premio e' stato attribuito allo scrittore egiziano Ibrahim Sonallah che si e' detto ''fiero e onorato'' del riconoscimento che ''esprime quel rapporto speciale che da sempre lega il popolo egiziano e quello italiano''. Sonallah ha richiamato l'attenzione anche sulla situazione che sta attraversando l'Egitto. ''Nel mio soggiorno tifernate - ha detto fra l'altro - ho avuto l'opportunita' di ammirare le opere dei vostri grandi artisti, quali Alberto Burri. Ne emerge la forza della creativita' e dell'innovazione, minacciata nel mio Paese''. Dal 2012, inoltre, il Concorso ha attivato la sezione speciale ''1970-2020: Verso il 50* anniversario della Regione Umbria'', in collaborazione con l'Isuc (Istituto per la Storia dell'Umbria contemporanea) e dell'Icsim (Istituto per la cultura e la storia d'impresa) ''Franco Momigliano), con l'obiettivo di promuovere studi in questo ambito di ricerca per ''ancorare ancora di piu' il Premio alla realta' regionale - ha rilevato Alberto Stramaccioni, docente dell'Universita' per Stranieri di Perugia, autore di numerosi studi storico-politici, fra i componenti della giuria - e approfondire gli studi su una Regione che ha un'identita' meno definita rispetto ad altre''. Il primo premio e' stato attribuito a Valerio Marinelli, autore di una raccolta di documenti e materiali sull'Umbria dall'Unita' d'Italia agli anni Novanta che sara' pubblicata nella collana ''Studi storici'' del Premio. pg/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni