sabato 10 dicembre | 23:56
pubblicato il 27/mag/2013 16:33

Umbria: Marini, incontro positivo ma interlocutorio con Governo

(ASCA) - Perugia, 27 mag - ''E' stato un incontro positivo, anche se interlocutorio, innanzitutto perche' segna la ripresa del dialogo e della cooperazione istituzionale tra il Governo nazionale e le Regioni che negli anni trascorsi si era praticamente interrotto. E non certo per volonta' delle Regioni''. L'ha detto la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, in seguito all'incontro svoltosi a Palazzo Chigi con il presidente del Consiglio, Enrico Letta, nel quale ''sono state affrontare questioni che interessano da vicino ogni cittadino e le imprese del Paese''. ''La prima delle questioni che abbiamo posto al Governo - ha proseguito - e' stata quella relativa alla sanita' ed al Fondo sanitario nazionale che, quest'anno per la prima volta dopo 35 anni, porta il segno negativo rispetto all'anno precedente. Ebbene, occorre avviare un confronto sulla dotazione finanziaria del Fondo in considerazione del fatto che non solo e' stato diminuito, ma resta sempre inferiore al fabbisogno. Ed abbiamo anche chiesto l'accelerazione dello sblocco dei fondi per l'edilizia sanitaria, soprattutto in presenza di accordo di programma gia' sottoscritti tra Governo e Regioni, come nel nostro caso. Per l'Umbria - ha precisato Marini - cio' consentirebbe l'avvio dei lavori di costruzione dell'ospedale unico di Narni ed Amelia, e altri interventi negli ospedali di Citta' della Pieve e Castiglione del Lago''. Altri temi in discussione ha spiegato la Governatrice ''la necessita' di istituire un unico Fondo per le politiche sociali, superando una frammentarieta' e parcellizzazione dei finanziamenti che rischierebbe di rendere inefficaci le politiche regionali di Welfare; sulle questioni relative alla crescita economica abbiamo ribadito che fondamentali saranno le risorse della prossima programmazione dei fondi strutturali europei per la stagione 2014-2020, le uniche che avremo a disposizione per interventi e politiche regionali capaci di favorire e stimolare lo sviluppo e la ripresa. Sempre in tema di economia altro punto importante e delicato e' quello relativo ad adeguate politiche per l'accesso al credito soprattutto per l'intero sistema delle imprese, magari ipotizzando un Fondo nazionale per le politiche del credito''. Sul trasporto pubblico locale ''abbiamo ribadito - ha concluso Marini - che e' stato un grave errore l'aver abbandonato la strada del finanziamento del fondo nazionale attraverso la fiscalizzazione. Una scelta questa, che va assolutamente rivista, riavviando il percorso interrotto dello stesso federalismo fiscale''. Pg/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina