sabato 21 gennaio | 23:49
pubblicato il 29/mag/2015 20:41

Ultimi fuochi campagna elettorale, pesa macigno impresentabili

Leader si dividono tra piazze e tv. Rischio astensionismo

Ultimi fuochi campagna elettorale, pesa macigno impresentabili

Roma, 29 mag. (askanews) - Una sfida all'ultimo impresentabile. La campagna elettorale per le Regionali si chiude tra comizi in piazza e maratone tv dei leader, ma a dominare il dibattito è la lista ufficializzata dal presidente della commissione Antimafia, Rosy Bindi, con i nomi dei 16 candidati (4 in Puglia, gli altri 12 in Campania) che non hanno i requisiti previsti dal codice di autoregolamentazione approvato dai partiti.

Ma è solo uno il nome su cui si scatena la tempesta politica, ed è quello del candidato democratico alla presidenza della Campania, Vincenzo De Luca. Ed è una tempesta che non vede il Pd contro gli altri partiti ma un attacco concentrico dei renziani proprio verso Rosy Bindi. L'accusa è quella di aver usato il lavoro della commissione per "vendicarsi" di vecchie ruggini con il segretario. Il diretto interessato reagisce e annuncia una querela nei confronti del presidente dell'Antimafia e si dice pronto a un confronto televisivo.

Una bomba, insomma, sull'esito delle Regionali che già deve fare i conti con un'altra incognita: quella dell'astensionismo. Il rischio che il ponte del 2 giugno porti gli elettori lontano dalle urne è ben presente ai leader che infatti si prodigano in appelli al voto. Leader che, peraltro, hanno scelto di chiudere in modo diverso le loro campagne elettorali. Renzi si è diviso tra Marche (dove ha visitato un'azienda) e Firenze, città scelta per la chiusura. Comizi anche per Salvini, che ha preferito la Verona di Flavio Tosi e per Beppe Grillo, che ha optato per la "sua" Genova. Rush finale tutto in tv invece per Silvio Berlusconi.

Renzi sa di giocarsi molto in questa partita, soprattutto ora che la questione impresentabili ha riacceso la scintilla dello scontro all'interno del Pd. Anche per questo, pur coltivando l'ambizione di un 6 a 1, mette le mani avanti: "Domenica - sottolinea - non si vota per il governo nazionale e nemmeno per il congresso del Pd. Si vota per decidere il futuro delle Regioni e di alcuni Comuni, per i prossimi cinque anni".

"Noi - osserva da Ancona - non siamo qui a raccontare la storia, siamo qui a scrivere una storia nuova. E lo facciamo chiedendo il voto anche a quelli che la volta prima hanno votato per loro. Dall'altra parte c'è l'odio e la rabbia. Due monete che a livello elettorale pagano".

Suona la carica anche Matteo Salvini, che in questa tornata si gioca la possibilità di ufficializzare il sorpasso su Forza Italia e collocarsi come prima forza del centrodestra. "Dopo il voto di domenica - dice - cambierà tutto: alcuni partiti non ci saranno più altri cambieranno nome e forma e, se il centrodestra vorrà essere competitivo con Renzi, non potrà non tenere conto della Lega".

Dal salotto di Pomeriggio 5, invece, Silvio Berlusconi continua a perorare la causa dell'unione dei moderati e assicura che se Renzi non dovesse ottenere una netta vittoria in queste elezioni, fermandosi sul 4 a 3, non potranno che esserci riflessi per il governo nazionale anche perché "nel Pd potrebbe esserci la notte dei lunghi coltelli". Il Cavaliere inoltre replica al premier che lo aveva definito un biglietto scaduto. "A me - risponde - il biglietto lo hanno dato gli italiani", e lui che "è un 'portoghese'".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4