lunedì 05 dicembre | 04:10
pubblicato il 22/ott/2013 15:28

Ue/Regioni: Galizia alla guida della Calre. Brega, ok su immigrazione

(ASCA) - Roma, 22 ott - Il coordinatore della Conferenza dei Presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome e Presidente del Consiglio regionale dell'Umbria, Eros Brega, a Bruxelles per la 17esima assemblea plenaria della Calre (Conferenza delle Assemblee Legislative Regionali Europee), ha augurato ''un proficuo lavoro alla collega spagnola, presidente del Parlamento della Galizia, Pilar Rojo Noguera'', neo-eletta alla presidenza per il 2014.

Brega, che guidava la delegazione italiana, era presente insieme ai presidenti Giovanni Ardizzone (Sicilia), Raffaele Cattaneo (Lombardia), Franco Iacop (Friuli Venezia Giulia), Onofrio Introna (Puglia), Daniele Leodori (Lazio), Nazario Pagano (Abruzzo), Clodovaldo Ruffato (Veneto), Rosa Thaler Zelger (Trentino Alto Adige) e al vice Presidente Filippo Monaco (Molise).

''Nel 2014 l'Italia avra' la reponsabilita' del coordinamento di quattro gruppi di lavoro'', ha dichiarato Brega. ''Per due di questi ''Sussidiarieta''' ed ''Efficienza finanziaria e politiche di coesione'', rispettivamente presieduti dalla Lombardia con Raffaele Cattaneo e dal Veneto con Clodovaldo Ruffato, si tratta di una riconferma, mentre l'Assemblea dei Presidenti ha espresso interesse per l'istituzione di due nuovi coordinamenti affidando alla Puglia, con il presidente Onofrio Introna la responsabilita' della guida del gruppo su ''Politiche del territorio e risorse idriche'' ed alla Sicilia, con Giovanni Ardizzone, quella su ''Politiche per l'immigrazione e inclusione sociale''.

''La disponibilita' e l'interesse mostrati dai nostri colleghi europei alla costituzione di un coordinamento sulle politiche dell'immigrazione - ha proseguito Brega - rappresenta un importante segnale di come l'Europa, anche a livello regionale, inizia a percepire le problematiche connesse all'immigrazione come una responsabilita' condivisa e non piu' come ''affare'' di un solo Paese o di una sola Regione di frontiera. A questo proposito - ha aggiunto Brega - i Parlamenti regionali europei con potere legislativo possono giocare un ruolo molto importante nel contrastare quella globalizzazione dell'indifferenza stigmatizzata nella tragedia di Lampedusa''. Brega ha infine ribadito quanto affermato nella dichiarazione di Bruxelles da tutti i colleghi Presidenti europei: ''Non solo nelle politiche riguardanti l'immigrazione, ma in tutte le politiche europee che toccano da vicino la vita dei nostri cittadini e territori e' necessario che i Parlamenti regionali europei si facciano sentire con forza affinche' venga loro assicurato il pieno coinvolgimento nei processi decisionali dell'Ue''.

res/rus/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari