venerdì 24 febbraio | 05:41
pubblicato il 05/nov/2013 17:23

Ue/elezioni: Sefcovic, discutere miglioramento codecisione con Pe

Ue/elezioni: Sefcovic, discutere miglioramento codecisione con Pe

(ASCA) - Bruxelles, 5 nov - Usare il tempo che separa i cittadini dell'Ue dalle prossime elezioni comunitarie (22-25 maggio 2014) per discutere come migliorare il processo di codecisione, l'intervento del Parlamento europeo nel processo legislativo comunitario. E' la proposta del commissario europeo per i Rapporti interistituzionali, Maros Sefcovic, in occasione della conferenza dal titolo 'Vent'anni di codecisione', organizzata oggi a Bruxelles. La codecisione era la possibilita' riconosciuta al Parlamento europeo di partecipare alla stesura delle proposte legislative comunitarie, attraverso la proposta di modifiche alle bozze redatte dalla Commissione europea. Si trattava di una procedura eccezionale, in quanto al Parlamento veniva chiesto solo un parere. Il trattato di Lisbona, firmato nel 2007, ha trasformato l'eccezione della codecisione nella regola, dando maggiori poteri e maggiori responsabilita' al Parlamento.

''L'imminente cambio di legislatura fa di questo periodo pre-elettorale il momento perfetto per vedere se l'efficienza, la trasparenza e la legittimita' democratica della codecisione possono essere migliorate'', sostiene Sefcovic. ''E' anche il momento giusto per vedere se abbiamo trovato il giusto equilibrio tra questi tre obiettivi''. A detta di Sefcovic permangono ''dubbi fondati'' sull'effettiva efficacia del processo di codecisione, ricordando che da piu' parti arrivano critiche per la natura ''non trasparente'' del processo di codecisione e la mancanza di ''sufficiente controllo democratico''. Cio' per via degli incontri informali e a porte chiuse in cui le tre istituzioni comunitarie cercano accordi di compromesso (i triloghi). Per questo Sefcovic propone riforme dell'attuale modello del processo legislativo ordinario. ''Per amore della trasparenza e a beneficio della legittimita' democratica potremmo pensare ad un registro pubblico di tutti i triloghi in corso, aperto a tutte le istituzioni e a tutti i cittadini''. In secondo luogo, ''la composizione dei team di negoziatori o quanto meno i nomi dei capi negoziatori potrebbero essere pubblici cosi' da rafforzare trasparenza e loro responsabilita'''. In terzo luogo Sefcovic propone di mantenere la discrezione sui lavori in corso ma di ''rendere accessibili al pubblico tutti i documenti una volta che un atto e' adottato in sede negoziale''. Nel dibattito che contraddistinguera' la fase pre-elettorale, a detta di Sefcovic deve esserci anche il ragionamento su ''un maggior coinvolgimento diretto dei parlamenti nazionali'', che dal Trattato di Lisbona hanno ottenuto il diritto di presentare un parere motivato sulle proposte della Commissione europea ogni volta che si ritiene ci sia un mancato rispetto del principio di sussidiarieta'. bne/sat

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech