domenica 04 dicembre | 03:03
pubblicato il 24/ago/2013 18:02

Ue: Zaia, regioni italiane ko per colpa di tasse e burocrazia

(ASCA) - Venezia, 24 ago - ''Se non e' la cronaca di una morte annunciata poco ci manca. Qualcuno mi spieghi come potremmo e potremo essere competitivi con una tassazione complessiva sulle imprese al 68,6%, con centinaia, per non dire migliaia, di adempimenti burocratici che gravano quotidianamente sui nostri artigiani, commercianti e imprenditori, adempimenti che rubano ogni anno decine di giorni di lavoro alla produzione, rappresentano costi vivi per i bilanci ma soprattutto si smentiscono l'un l'atro in una guerra folle tra burocrazie che utilizzano le leggi per giustificare la propria esistenza''. E' il commento del presidente della Regione del Veneto Luca Zaia alla notizia della pubblicazione di una bozza dell'indice di competitivita' regionale 2013 da parte della Commissione Europea, che vede le Regioni italiane ben oltre il centesimo posto su 262.

''Di questo passo - prosegue Zaia - andremo a schiantarci contro un muro di deindustrializzazione e di disoccupazione, rischiando una desertificazione economica che e' inutile imputare a imprenditori e forze sociali, ma la cui colpa va fatta ricadere unicamente su Governi centrali che continuano a traccheggiare e a lanciare slogan senza impegnarsi in provvedimenti concreti e immediati''.

''D'altronde - aggiunge Zaia - le ricette le conosciamo bene tutti: una tassazione unica intorno alla media del 46 per cento, partendo da un test per il quale candido il Veneto; una conseguente riduzione del cuneo fiscale e previdenziale sulle buste paga dei lavoratori per garantire maggior reddito e quindi stimolare i consumi e ridare alle famiglie un po' di respiro; far tornare le banche al loro ruolo territoriale; introdurre immediatamente i costi standard in sanita' e tutta la Pubblica Amministrazione per recuperare immediatamente 30 miliardi da destinare allo sviluppo e al lavoro; superare in questo modo il patto di stabilita', consentendo agli enti locali e territoriali virtuosi di gestire la leva territoriale ai fini di un equilibrato e sostenibile sviluppo economico''.

''Per quanto tempo ancora dovremo attendere cio' che e' chiaro a tutti? - si chiede Zaia - Dobbiamo attendere la catastrofe? E' questo che vuole Roma?''. ''Noi non ci stavamo - conclude Zaia - non ci stiamo e non ci staremo mai''.

fdm/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari