lunedì 27 febbraio | 15:48
pubblicato il 05/ago/2013 12:35

Ue: verso l'istituzione di una procura europea contro frodi comunitarie

Ue: verso l'istituzione di una procura europea contro frodi comunitarie

(ASCA) - Bruxelles, 5 ago - Il bilancio dell'Unione europea perde circa 280 milioni di euro all'anno a causa di frodi che ledono gli interessi finanziari dell'Ue. Se il progetto di istituzione della Procura europea fosse approvato, questa istituzione avra' il mandato di impedire efficacemente l'uso illegale dei fondi di bilancio dell'Ue e ulteriori frodi.

Attualmente l'Unione europea non puo' perseguire direttamente questi reati perche' la competenza esclusiva appartiene agli Stati membri.

A denunciarlo il ministro della Giustizia lituano (il paese detiene la presidenza Ue nel secondo semestre 2013), Juozas Bernatonis.

''Come risultato di danni causati da questi reati - sottolinea il ministro - l'Ue perde ogni anno centinaia di milioni di euro. A causa delle limitate risorse delle autorita' di contrasto nazionali tali crimini non vengono sempre indagati. A volte i truffatori non sono puniti per i crimini commessi contro il bilancio dell'Ue, in particolare quando tali reati sono commessi in piu' Stati membri.

Pertanto, e' necessario garantire la massima efficienza nella protezione del denaro dei contribuenti europei '''.

Gli attuali organi dell'Ue - Olaf (Ufficio europeo di lotta antifrode), Eurojust (Unita' di cooperazione giudiziaria dell'Unione europea) e di Europol (agenzia di intelligence criminale Ue) - non hanno il mandato per la repressione delle frodi. L'Olaf puo' solo sensibilizzare gli organismi nazionali competenti, con i risultati delle indagini amministrative condotte, ma tocca agli stessi organismi nazionali decidere per conto proprio se avviare un procedimento penale sulla base di tali conclusioni.

La proposta di istituire l'Ufficio del Procuratore europeo e' stata presentata dalla Commissione europea il 17 luglio.

La competenza della Procura europea appena costituita vertera' sull'accertamento dei reati commessi contro il bilancio dell'Ue, il perseguimento dei loro autori e complici e il supporto per l'accusa nei tribunali nazionali.

L'ufficio del pubblico ministero europeo avra' il diritto di chiedere o, se necessario, di ordinare le azioni investigative definite nella proposta di regolamento: per quanto riguarda gli interrogatori dei testimoni e sospetti, la nomina di esperti, quando vi e' la necessita' di speciale know-how, e l'imposizione di misure di esecuzione (sequestro di beni, perquisizioni nei locali e dei sistemi informatici, ascolto di telefonate, congelamento delle transazioni finanziarie).

La proposta di regolamento relativo all'ufficio del pubblico ministero europeo stabilisce che tutte le misure di indagine devono essere convalidate dal tribunale o altro organo giudiziario nazionale competente, come specificato negli atti giuridici nazionali o richiesti dal regolamento per l'ufficio del pubblico ministero europeo.

Le prove legittimamente raccolte in uno Stato membro dovrebbero essere ammissibili nei tribunali di tutti gli Stati membri.

Secondo la proposta della Ce, l'ufficio del pubblico ministero europeo deve avere una struttura decentrata costituito dalla procura europea, quattro procuratori europei e procuratori europei delegati, in ciascuno Stato membro, e verra' integrato con i sistemi giudiziari nazionali.

''I procuratori delegati europei avranno il mandato di svolgere indagini e azioni penali nei rispettivi Stati membri coinvolgendo esperti nazionali e applicando la legge nazionale. Continuano nell'esercizio delle loro funzioni, come pubblici ministeri, ma quando agiscono per conto dell'ufficio del pubblico ministero europeo, devono essere completamente indipendenti dagli organi nazionali di azione penale ''sostiene il ministro della Giustizia lituano.

L'istituzione della Procura europea e' uno dei temi prioritari della presidenza della Lituania del Consiglio dell'Ue nella sfera del diritto penale. Secondo il ministro della Giustizia, metodi nuovi ed efficaci per combattere i reati che ledono gli interessi finanziari dell'Unione europea sono assolutamente necessarie, ma devono essere adeguatamente discusse dagli Stati membri.

Il progetto di istituzione della Procura europea e' strettamente legata alla proposta di direttiva sulla lotta contro la frode agli interessi finanziari dell'Unione mediante il diritto penale. In virtu' della presente direttiva, gli Stati membri sono tenuti a punire le persone fisiche e giuridiche per reati (frodi e le attivita' illecite connesse) che ledono gli interessi finanziari dell'Unione, e per la complicita' e tentativo di commettere tali crimini.

(fonte Afp).

sat/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Dp
Rossi: noi fermeremo Grillo, alleanza con Pd se vince Orlando
Vitalizi
M5s: pensioni parlamentari come cittadini, basta ok a delibera
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Specie a rischio, dalla genetica molecolare un aiuto per salvarle
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech