lunedì 05 dicembre | 01:38
pubblicato il 10/giu/2013 12:59

Ue: Trigilia, Italia ha raggiunto 40% spesa certificata

(ASCA) - Roma, 10 giu -Al 31 maggio scorso la spesa certificata presentata dall'Italia a Bruxelles nell'attuazione dei programmi finanziati dai fondi comunitari ha raggiunto il 40% della dotazione totale superando di 1,3 punti il target nazionale.

Il risultato emerge dai dati aggiornati alla fine del mese scorso e validati dalla Ragioneria generale dello Stato e dal Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione economica relativi alla spesa certificata, che misura lo stato di attuazione della politica di coesione per il complesso delle Regioni italiane.

Rispetto ai dati validati il 31 dicembre scorso , si nota un miglioramento che, per quanto non particolarmente significativo, e' in linea con la serie storica della spesa certificata dall'Italia alla Commissione europea. Proprio per migliorare le performance dei programmi italiani, nel mese di aprile sono state decise ulteriori misure di accelerazione i cui effetti si dovrebbero dispiegare gia' dalla scadenza del prossimo ottobre. Come per le precedenti scadenze, permangono importanti differenze tra il Nord e il Sud (ma anche all'interno delle due grandi aree): le Regioni piu' sviluppate raggiungono il 49,4% della spesa certificata, mentre le Regioni meno sviluppate si fermano al 35,7%, anche se per queste ultime e' necessario tener conto della presenza di significative opere infrastrutturali che richiedono tempi di attuazione piu' lunghi. Scendendo al dettaglio dei 52 programmi, l'ammontare delle spese certificate ha superato il target in 35 casi, e' rimasto entro la soglia di tolleranza in 11 casi, non ha raggiunto il livello minimo in 6 casi. Gli istogrammi mostrano i risultati dei programmi regionali e nazionali sia delle regioni piu' sviluppate, sia di quelle meno sviluppate. Il mancato raggiungimento dei target potra' comportare riprogrammazioni che terranno conto della necessita' sia di rafforzare i settori maggiormente in grado di sostenere l'ulteriore accelerazione richiesta, sia di massimizzare l'apporto in favore delle priorita' del PAC. In questo caso tuttavia, il mancato raggiungimento dei target e' soggetto a una valutazione da parte delle amministrazioni interessate circa le cause che lo ha determinato, prima di procedere all'adozione di misure correttive. ''Questi risultati - ha commentato il ministro per la Coesione territoriale CarloTrigilia - confermano che rimangono difficolta' nella realizzazione degli interventi programmati nonostante l'impegno di tutte le amministrazioni pubbliche, locali, regionali e centrali, le sollecitazioni e il contributo di conoscenza del partenariato economico e sociale, la pressione dei mass media favorita da una accresciuta trasparenza informativa''. ''Occorre dunque - ha proseguito - procedere il piu' rapidamente possibile con uno sforzo straordinario e con la collaborazione di tutte le amministrazioni a una riprogrammazione delle risorse non ancora spese, secondo le priorita' che il Governo si e' dato, a partire dalle misure per affrontare il problema della disoccupazione giovanile''. com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari