giovedì 23 febbraio | 13:29
pubblicato il 11/mar/2013 12:00

Ue/ Terzi a Bruxelles: più sostegno paesi primavera araba

Ue/ Terzi a Bruxelles: più sostegno paesi primavera araba

Roma, 10 mar. (askanews) - Sarà soprattutto alla Siria e ai rapporti con i Paesi della sponda del Sud del Mediterraneo che i capi delle diplomazie dei Ventisette rivolgeranno la loro attenzione lunedi a Bruxelles nel consueto Consiglio degli Affari Esteri dell'Unione Europea. L'incontro dei Ministri con l'Inviato delle Nazioni Unite e della Lega Araba, Lakhdar Brahimi, sarà l'occasione per una prima discussione a livello europeo sulle prospettive della crisi siriana all'indomani della Riunione di Roma del 28 febbraio. Una Riunione, quella di Villa Madama, durante la quale è maturata la svolta per un più marcato contributo americano, ed il cui forte messaggio per un rilancio del processo politico e per un concreto sostegno materiale alla Coalizione delle opposizioni è stato colto in questi giorni dalla comunità internazionale. Di assoluta priorità - e Terzi lo ricorderà domani - rimane, allo stesso tempo, la drammatica emergenza umanitaria. Altro tema caldo di dibattito saranno le evoluzioni nei tre Paesi nordafricani protagonisti della primavera araba, Egitto, Tunisia e Libia, al centro, in questi mesi, di un'intensa attività diplomatica dell'Italia, culminata nelle visite di Terzi nelle tre capitali, e condotta con continui contatti bilaterali, regionali e multilaterali. Il titolare della Farnesina intende perorare fortemente la necessità di un convinto sostegno europeo alla stabilità dell'Egitto, Paese centrale per gli equilibri regionali. Il ministro porrà l'accento sul dovere dell'Europa di riporre fiducia nel futuro dell'Egitto democratico e di assicurare al Cairo un accresciuto sostegno anche economico, necessario per incoraggiare la costruzione di un nuovo Egitto stabile, ancorato all'Europa, e fondato sul pieno rispetto dei diritti umani. In tale contesto, Terzi ribadirà il suo impegno anche per favorire la conclusione dell'Accordo tra l'Egitto ed il Fondo Monetario Internazionale, un'indispensabile boccata di ossigeno per l'economia egiziana, che sta attraversando una fase di difficoltà. Red/Cuc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Borella, Maestro d'olio: amaro, piccante e quindi salutare
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech