martedì 17 gennaio | 22:44
pubblicato il 24/ott/2013 11:00

Ue: TDM, si' a sfida cure transfrontaliere. Ma ci sono rischi economici

(ASCA) - Roma, 24 ott - ''Un decreto legislativo che colga l'occasione per ridurre le differenze a livello regionale e che, in primo luogo, garantisca l'assistenza diretta ai cittadini per evitare che la Direttiva sulle cure transfrontaliere diventi una opportunita' solo per ricchi. E soprattutto un atto formale di coinvolgimento della nostra associazione nell'implementazione della Direttiva'': e' quanto ha chiesto oggi Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva nel corso dell'evento ''Cure senza frontiere: da oggi si puo''?''.

L'evento e' stato promosso dalla associazione in merito all'applicazione della Direttiva europea sulle cure transfrontaliere che entra in vigore domani 25 ottobre in tutti gli Stati membri della Ue e che l'Italia si e' impegnata a recepire entro il 4 dicembre, con lo stanziamento ad hoc, nella Legge di Stabilita', per il 2014 di 121 milioni di euro, di cui Cittadinanzattiva chiede che una parte sia destinata ad una capillare campagna di informazione ai cittadini.

''La Direttiva - ha spiegato - ha un impianto positivo, e puo' diventare uno strumento non solo per curarsi viaggiando, ma per pretendere che in ogni luogo di cura, in ogni Stato, Regione o Asl, ci sia la possibilita' di avere uguali diritti all'accesso alle cure, all'informazione alla libera scelta, alla innovazione, alla qualita' e sicurezza delle cure, al reclamo. E' una sfida dunque per tutti, e lo e' anche per l'Italia che deve rendere fruibili ai cittadini, e non solo agli addetti ai lavori, i dati sulla qualita' e la sicurezza delle strutture, contenuti ad esempio nel programma Esiti di Agenas e nello stesso Audit civico del nostro Tribunale per i diritti del malato''. ''In Italia - riferisce il dossier curato dal TDM e presentato oggi - il decreto legislativo di attuazione della Direttiva e' ancora in itinere, se ne prevede l'emanazione entro il 4 dicembre. E' stato attivato il Punto di Contatto Nazionale (PCN), presso il Ministero della Salute, ma che non e' ancora attivo. Non e' presente alcuna informazione sulla presenza e i riferimenti del PCN, ne' una pagina internet dedicata. Lo stesso dicasi per i punti di contatto regionali, che sembrerebbero previsti in Veneto, Liguria, Trento e Valle d'Aosta. Le associazioni di pazienti e cittadini non sono state, al momento, coinvolte e non sono stati individuati i centri di eccellenza del nostro Paese''.

Dalla rilevazione effettuata tramite le associazioni europee aderenti alla rete europea di Cittadinanzattiva, ACN (Active citizenship network), risulta che: ''Leggi di recepimento della Direttiva sono in discussione in Austria, Croazia, Estonia, Francia, Malta, Norvegia. La Germania ha affermato che non fara' una legge ad hoc, perche' molte delle previsioni della Direttiva sono gia' contenute in altre leggi o atti vigenti''. Sulla questione hanno effettuato consultazioni pubbliche formalizzate l'Austria, l'Estonia, la Francia e la Norvegia''.

Il Punto di contatto nazionale ''e' per il momento attivo solo in Lettonia, anche se fornisce poche info ai cittadini''. Le organizzazioni europee ''sono preoccupate che la Direttiva lasci agli Stati un eccesso di discrezionalita' e temono che i continui tagli alla sanita' pubblica rendano di fatto irrecepibili alcuni principi della stessa. Inoltre, disapprovano che il cittadino debba anticipare i costi della prestazione e che sia sostanzialmente solo nel processo di scelta ed orientamento. Inoltre, negli Stati piu' poveri o al alto impatto turistico, si teme che la mobilita' vada a svantaggio dei residenti, per il rischio dell'aumento dei tempi di attesa e di un indebitamento del proprio servizio sanitario''.

red/mpd/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa