sabato 10 dicembre | 13:44
pubblicato il 05/lug/2014 17:55

Ue: Passera (Italia Unica), a Italia non serve programma da status quo

(ASCA) - Roma, 5 lug 2014 - Un programma da status quo che non serve all'Europa. E' questo il giudizio di Corrado Passera fondatore di Italia Unica, sul programma presentato dal governo italiano per il semestre di presidenza della Ue.

''Mi aspettavo che questo Programma - scrive Passera in un editoriale pubblicato sul sito di Italia Unica - riempisse di contenuti concreti e di impegni chiari, di cambiamento profondo e tangibile, il discorso fatto dal nostro Primo Ministro di fronte al Parlamento Europeo. Non e' stato cosi', purtroppo. Manca il necessario respiro in quelle 81 pagine che dovrebbero rappresentare la ''costituzione materiale'' del nostro Semestre, appuntamento storico se solo pensiamo che la UE e' innanzi ad un bivio drammatico - dovendo cambiare radicalmente per non cadere vittima del miope rancore antieuropeo''. ''Quello stilato dal Governo italiano per il Semestre - dice - e', innanzitutto, un ''programma dello status quo''.

Leggendolo non si trova niente, ma proprio niente, che parli di messa in discussione fondamentale dell'Europa odierna, di ''cambio del motore'', ma solo qualche restyling (parola cara al Premier) e piccoli passi. E' un testo di evidente impronta burocratica e non politica, diremmo quasi di ordinaria amministrazione, con pennellate di buon senso e parole misurate (molto buro-europeesi) per non andare di traverso a nessuno. Sono convinto - continua Passera - che l'Unione Europea debba dotarsi di un piano molto piu' ambizioso: e' stata una formidabile macchina di pace, ora puo' diventare anche una potente macchina di crescita solidale e sostenibile. In particolare e' necessario aggiungere 1000 miliardi al piano di investimenti gia' previsto nella pianificazione 2014-2020 per infrastrutture di mobilita', energetiche e di telecomunicazione oltre a ricerca e istruzione in modo da accelerare la creazione di occupazione e l'incremento del potenziale di crescita. Inoltre e'' necessaria L'istituzione almeno per i Paesi dell'euro e di quelli che vorranno aggiungersi, di un ''Fondo'' di 1000 miliardi che agisca come un ''meccanismo europeo per lo sviluppo'' da affiancare al Meccanismo Europeo di Stabilita' - il MES - in grado di emettere ''Euro Project Bonds'' garantiti da una dotazione di garanzia finanziata - come proposto dalla Commissione Europea - da una quota della Tassa sulle Transazioni Finanziarie''.

Per Passera ''non e' con l'ordinaria amministrazione burocratese ma vaga e senza obiettivi verificabili, che ritroviamo nel testo del Programma del Semestre, che si sconfiggono le paure e si rilancia l'Europa. Nemmeno con la citazione scolastica di Telemaco. L'oscuro destino di quella figura epica (nessuno sa che fine faccia: unica certezza e' che avrebbe perso la sua terra se la madre non avesse resistito e il padre non fosse tornato) rischia di essere purtroppo il simbolo non voluto di un Semestre partito col piede sbagliato ma che, da europeisti convinti e da convinti sostenitori dell'Italia, speriamo il Governo sia ancora in grado di raddrizzare''.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Governo
Da Mattarella possibile incarico domenica, in pole c'è Gentiloni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina