lunedì 23 gennaio | 03:58
pubblicato il 25/gen/2012 20:55

Ue/ Ok a mozione maggioranza 'strana'. Monti: Governo più forte

Premier:Apporto partiti fondamentale. Napolitano:Passo importante

Ue/ Ok a mozione maggioranza 'strana'. Monti: Governo più forte

Roma, 25 gen. (askanews) - La Lega fa quello che può. E, almeno al Senato, dà vita all'unico fuori programma del giorno, presentando 19 risoluzioni che, di fatto, causano un allungamento dei tempi dell'esame. Per il resto, quello che va in scena tra l'Aula di palazzo Madama e Montecitorio, è un film dall'esito scontato, con una regia abbondantemente preparata. Camera e Senato hanno infatti dato il via libera a una mozione sull'Europa che ha visto uniti Pdl, Pd e Terzo Polo. Ossia i tre partiti che sostengono Monti e che, con questo documento, puntano a dare un forte sostegno all'azione dell'Esecutivo a Bruxelles. Tutto normale se non fosse che, con la sola parentesi della risoluzione sulla relazione dello stato della giustizia, questo è il primo vero atto parlamentare unitario della 'strana' maggioranza che sostiene lo 'strano' governo Monti. "E' bene che ci sia stata una larghissima condivisione" ha detto nel suo intervento in Aula il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani. "Finalmente l'Italia è unita in Europa" ha sottolineato il leader dell'Udc, Pier Ferdinando Casini. Ma non c'è da stupirsi se, per esempio, il segretario del Pdl Angelino Alfano, pur nel rivendicare l'importanza di aver vestito tutti insieme "la maglia della Nazionale" perché gli interessi dell'Italia vengono "prima di tutto", fa anche capire che non di grossa coalizione si tratta ma di un'unità dovuta a un caso particolare e a un tema fondamentale, come è quello del ruolo - e dunque del futuro - dell'Italia in Europa. Al di là delle sfumature e dei distinguo, tuttavia, il varo di una mozione sostenuta - e firmata - da un arco così vasto di partiti è un dato di fatto. Ne gioisce il capo dello Stato, Giorgio Napolitano, che parla di "risultato importante". E non può che esserne soddisfatto il premier, Mario Monti, anche in vista del Consiglio europeo di lunedì prossimo. "Oggi è stato fatto un passo avanti che rende il governo più forte" ha detto il premier. Che, d'altra parte, anche nel suo discorso davanti a senatori e deputati ci aveva tenuto a esordire sottolineando l'importanza di poter "contare sull'indirizzo delle forze politiche in un momento di scelte decisive per la governance e il futuro dell'Europa". Così come ha valorizzato quello che ha definito il "salto" da un dialogo "ex post" a uno "ex ante". Oltre alla mozione, che sostanzialmente chiede un ruolo più forte per la Bce e di dare più spazio allo sviluppo, sono stati approvati anche i documenti di altre forze politiche (come Radicali e Idv), oltre, in Senato, a un emendamento della Lega sulle radici giudaico-cristiane dell'Europa.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4