giovedì 23 febbraio | 05:57
pubblicato il 14/lug/2011 13:16

Ue/ Napolitano:Crisi moneta unica sarebbe crisi progetto europeo

Ora rafforzare governance, non si può tornare indietro

Ue/ Napolitano:Crisi moneta unica sarebbe crisi progetto europeo

Zagabria, 14 lug. (askanews) - Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha lanciato l'allarme sui rischi che comporta una destabilizzazione finanziaria dell'area dell'euro: "La crisi della moneta unica - ha detto nel suo discorso davanti al Parlamento croato - significherebbe la crisi del progetto comune europeo. Dopo un passo avanti di tale portata non si torna indietro indenni, nessuno". "Mi sembra che, dopo mesi convulsi, questo sia stato finalmente capito, da tutti. Ma se il mercato unico non avrebbe potuto reggere senza la moneta unica, è venuto ora il momento - ha aggiunto il capo dello Stato - di assicurare la stabilità dell'euro attraverso una rafforzata governance dell'economia europea, le cui basi sono state gettate dagli ultimi Consigli europei, e in definitiva attraverso un deciso avanzamento in senso politico dell'unità europea".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech