venerdì 20 gennaio | 13:32
pubblicato il 05/feb/2014 13:44

Ue: Napolitano, Turchia ha ragione su adesione. Pacta sunt servanda

Ue: Napolitano, Turchia ha ragione su adesione. Pacta sunt servanda

(ASCA) - Roma, 5 feb 2014 - ''La Turchia ha ragione, i patti si rispettano. Pacta sunt servanda''. Lo afferma il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, nel corso del suo incontro a Strasburgo (trasmesso da Sky Tg24) con gli europarlamentari italiani, facendo riferimento alle critiche all'Ue che arrivano da Ankara per non aver rispettato i patti presi sul negoziato per l'adesione della Turchia all'Unione.

Napolitano, chiarendo che l'Italia ''non ha mai sconfessato l'accordo'', sottolinea come siano state Francia e Germania a frenare sull'ingresso della Turchia nell'Ue. Parigi e Berlino, spiega, hanno cambiato idea ''due anni dopo aver firmato'' l'impegno.

''Quando sono andato in Turchia in visita di Stato 4 anni fa - ricorda Napolitano - mi sono sentito ripetere a tutti i livelli una frase in latino 'pacta sunt servanda', i patti si rispettano''. Poi il Presidente rimanda ad un ''Consiglio Europeo in cui tutti i capi di governo, all'unanimita', compresi il Presidente francese ed il Cancelliere tedesco hanno deciso che bisognava negoziare l'ingresso nell'Unione europea della Turchia o comunque uno status equivalente''. E' stato per questo che ''si e' cominciato un negoziato, come con tanti altri paesi, che deve essere rigoroso per tutti: per la Turchia come per l'Ucraina. Il rispetto dei diritti fondamentali e' parte essenziale dei dossier che si discutono con i paesi con cui si negozia l'ingresso. La formula era che dovesse essere un negoziato 'open ended', cioe' aperto a qualsiasi soluzione. Senza escludere che la soluzione potesse essere la piena appartenenza''.

''Due anni dopo aver firmato, se non col sangue con la loro penna, questo impegno - prosegue Napolitano - due fondamentali governi e capi di governo dell'Unione europea, il francese e il tedesco, hanno detto 'no, noi non vogliamo piu' portare avanti e a conclusione il negoziato con la Turchia'''. Quindi, rileva ancora, ''quando mi dicevano 'non rispettate i patti', avevano ragione. Io mi sono soltanto preoccupato di difendere la credibilita' dell'Italia, dicendo che noi non abbiamo fatto quello che hanno fatto il presidente Sarkozy e la cancelliera Merkel. Non abbiamo mai sconfessato. Pensiamo che si debba andare avanti nel negoziato e poi discutere quali sono le conclusioni possibili di questo negoziato''.

fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Terremoti
Gentiloni a Chigi, pre-Consiglio ministri su emergenze sisma-neve
Terremoto
M5s cancella mobilitazione giorno decisione Consulta su Italicum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Our Place in Space, in mostra l'Universo nelle immagini di Hubble
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale