sabato 10 dicembre | 21:47
pubblicato il 31/ott/2011 17:42

Ue/ Napolitano: Italia esposta a rischi di inadeguatezza

Estendere sovranità condivisa non significa indebolire Stato

Ue/ Napolitano: Italia esposta a rischi di inadeguatezza

Roma, 31 ott. (askanews) - Il nostro paese è "oggi esposto a rischi di grave inadeguatezza" in ambito europeo. Lo ha detto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nel suo discorso per la cerimonia del 180esimo anniversario della nascita del Consiglio di Stato. " ormai essenziale una visione ampia, innanzitutto europea, dell'evolversi e dell'intrecciarsi delle esperienze istituzionali, senza cadere peraltro in equivoci pericolosi", ha detto Napolitano. "La necessità, cioè, sempre più matura - ha spiegato - di estendere l'area della sovranità condivisa il cui esercizio sia affidato in Europa alle istituzioni dell'Unione, nulla toglie alla esigenza di un efficace funzionamento e quindi di un rafforzamento delle strutture di uno Stato nazionale come il nostro, storicamente caratterizzato da intrinseche debolezze e oggi esposto da rischi di grave inadeguatezza".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina