venerdì 09 dicembre | 22:36
pubblicato il 16/feb/2012 05:10

Ue/ Monti a Strasburgo, consacrazione dall'Europarlamento

Apprezzamento entusiastico da tutti i gruppi politici maggiori

Ue/ Monti a Strasburgo, consacrazione dall'Europarlamento

Strasburgo, 16 feb. (askanews) - Con il suo apprezzatissimo intervento davanti alla plenaria dell'Europarlamento, ieri a Strasburgo, il presidente del Consiglio Mario Monti ha avuto la sua più vera e definitiva consacrazione europea, sancita da una 'standing ovation' alla fine del suo discorso e dagli elogi entusiasti dei capigruppo del Ppe, dei Socialisti e Democratici, dei Liberaldemocratici, dei Verdi. Il terreno per l'arrivo del premier era stato preparato con la pubblicazione su tre importanti giornali europei (Le Monde, Frankfurter Allgemeine Zeitung e Corriere della Sera) di un articolo scritto da Monti insieme all'eurodeputata francese Sylvie Goulard in cui si propugnava di riconciliare integrazione comunitaria e democrazia conferendo all'Europarlamento il potere di controllo sul Consiglio europeo dei capi di Stato e di governo. Per chi, come gli europarlamentari, in questi anni ha ascoltato con molta delusione dozzine di discorsi solenni di leader e presunti leader europei, l'intervento del premier italiano è stato davvero memorabile. Nel suo discorso, quasi sempre a braccio, sicuro e preciso, Monti ha toccato tutte le corde dell'europeismo (il 'metodo comunitario' contro le tentazioni intergovernative, lo "spirito unitario" da ripristinare per il progetto comune, l'approccio "inclusivo e non esclusivo"), ha avvertito che la crisi dell'Eurozona ha "ricreato stereotipi e diviso gli europei secondo le latitudini, e fra gli Stati centrali o periferici". Salutato da una standing ovation, Monti ha criticato con parole anche dure - ma mai con tono aggressivo - tre Stati membri: le 'intoccabili', Francia e Germania, per avere, proprio loro, sempre pronti a dare lezioni agli altri, infranto per primi nel 2003 le regole del primo Patto di Stabilità, compromettendone la credibilità; e poi la Grecia, che oggi è sottoposta al "rigore forse eccessivo" dell'austerità 'tedesca' imposta dall'Eurozona, ma che in passato ha dato tutti i peggiori esempi possibili di malgoverno: "Corruzione, nepotismo, assenza di concorrenza, appalti pubblici irregolari, evasione fiscale e quant'altro", infine anche "la frode nelle relazioni a Eurostat".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Emiliano: Renzi si dimetta anche da segretario del Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina