lunedì 27 febbraio | 22:07
pubblicato il 10/set/2013 16:52

Ue: Mauro, difesa comune dipende da integrazione politica

(ASCA) - Udine, 10 set - ''Mettersi insieme militarmente e' possibile se lo facciamo anche politicamente''. Lo ha detto il ministro della Difesa Mario Mauro rispondendo ad una domanda dei giornalisti, a margine della visita alla brigata Julia di Udine, su una possibile integrazione militare dell'Unione europea. Oggi, ha sottolineato il ministro, ''non esiste'' una difesa comune europea perche', appunto, manca una politica di integrazione dell'Unione europea. ''Abbiamo molti esempi di integrazione, soprattutto finalizzati alla formazione degli eserciti, ma fra i singoli paesi'', ha ammesso il ministro, sottolineando che ognuno di questi paesi provvede da se' a razionalizzare le risorse, in termini di uomini e di mezzi, mentre l'operazione andrebbe fatta insieme.

''C'e' da ragionare sul fatto che l'Europa ha un bilancio superiore a quello di Russia, Cina e Giappone messi insieme'', ha concluso il ministro. fdm/mau/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech