domenica 22 gennaio | 21:24
pubblicato il 25/mar/2014 12:39

Ue: Maroni, macroregione alpina ideale per negoziare con Bruxelles

(ASCA) - Milano, 25 mar 2014 - ''Vogliamo sfruttare la prospettiva macroregionale come dimensione ideale per dialogare e negoziare con Bruxelles. In questo vedo il nuovo protagonismo regionale, che valorizza differenze senza penalizzare le altre Regioni''. Lo ha detto il presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni, oggi, nel corso della tavola rotonda organizzata a Milano con i presidenti Stefano Caldoro (Campania) e Nichi Vendola (Puglia), nell'ambito del convegno sui fondi Ue 'Orizzonte 2020' e 'Cosme' per promuovere la reindustrializzazione. ''A novembre, a Milano, si costituira' formalmente la Macroregione delle Alpi - ha ricordato Maroni -, con 7 Paesi e 46 Regioni. Una Regione omogenea, che dovra' avere ruolo importantissimo con Bruxelles, proprio su questi fondi comunitari. Dobbiamo sfruttare questa nuova prospettiva, evitando che penalizzi le altre Regioni. Un protagonismo delle Regioni a cui io tengo fortemente e che sara' utile per ogni realta' regionale e il sistema nel suo complesso''.

Maroni ha mostrato apprezzamento per la misura 'Orizzonte 2020', prevista nella prossima programmazione, ''adeguata per l'importo, 70 milioni di euro, e perche' si concentra su credito alle imprese, accesso ai mercati anche tra Paesi, all'interno dell'Eurozona, penalizzati da differenziali di partenza (costo lavoro, burocrazia) elevati, formazione e investimento in innovazione e ricerca''. Settori, questi ultimi, per la Lombardia fondamentali. ''Abbiamo 500 centri di ricerca, 18 universita' - ha rilevato Maroni -, ma non hanno fatto rete. Noi stiamo lavorando perche' questa potenzialita' si esprima.

Serve una regia per avvicinare l'innovazione al mercato e alle imprese. Altrimenti i finanziamenti, anche quelli comunitari, non serviranno''.

In tema di scelte di politica industriale, ''quel che serve alla Lombardia puo' non valere per le altre Regioni'' ha detto il presidente lombardo. ''Occorre un approccio nuovo, no all'omogeneizzazione. Non si puo' pensare che la Lombardia aspetti gli altri per fare determinate scelte. Dunque, la competizione deve essere virtuosa'' ha sottolineato Maroni, rivolgendosi ai colleghi Caldoro e Vendola. E ha fatto un esempio. ''Abbiamo un forte sviluppo comune - tra Campania, Lombardia e Puglia - del polo dell'aviazione. Assisto, pero', a una competizione poco virtuosa, quando si teme che da una regione vengano portati via investimenti verso un altra. La competizione tra territori, quando viene usata contro di noi, non va bene. Vorrei invece che su temi come i fondi europei si sviluppi un modello omogeneo, una piattaforma comune, per aiutare il Governo nei confronti della Ue. Per evitare misure di intervento a taglia unica, che non fanno bene a nessuno''.

res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4