domenica 11 dicembre | 07:04
pubblicato il 25/mar/2014 12:39

Ue: Maroni, macroregione alpina ideale per negoziare con Bruxelles

(ASCA) - Milano, 25 mar 2014 - ''Vogliamo sfruttare la prospettiva macroregionale come dimensione ideale per dialogare e negoziare con Bruxelles. In questo vedo il nuovo protagonismo regionale, che valorizza differenze senza penalizzare le altre Regioni''. Lo ha detto il presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni, oggi, nel corso della tavola rotonda organizzata a Milano con i presidenti Stefano Caldoro (Campania) e Nichi Vendola (Puglia), nell'ambito del convegno sui fondi Ue 'Orizzonte 2020' e 'Cosme' per promuovere la reindustrializzazione. ''A novembre, a Milano, si costituira' formalmente la Macroregione delle Alpi - ha ricordato Maroni -, con 7 Paesi e 46 Regioni. Una Regione omogenea, che dovra' avere ruolo importantissimo con Bruxelles, proprio su questi fondi comunitari. Dobbiamo sfruttare questa nuova prospettiva, evitando che penalizzi le altre Regioni. Un protagonismo delle Regioni a cui io tengo fortemente e che sara' utile per ogni realta' regionale e il sistema nel suo complesso''.

Maroni ha mostrato apprezzamento per la misura 'Orizzonte 2020', prevista nella prossima programmazione, ''adeguata per l'importo, 70 milioni di euro, e perche' si concentra su credito alle imprese, accesso ai mercati anche tra Paesi, all'interno dell'Eurozona, penalizzati da differenziali di partenza (costo lavoro, burocrazia) elevati, formazione e investimento in innovazione e ricerca''. Settori, questi ultimi, per la Lombardia fondamentali. ''Abbiamo 500 centri di ricerca, 18 universita' - ha rilevato Maroni -, ma non hanno fatto rete. Noi stiamo lavorando perche' questa potenzialita' si esprima.

Serve una regia per avvicinare l'innovazione al mercato e alle imprese. Altrimenti i finanziamenti, anche quelli comunitari, non serviranno''.

In tema di scelte di politica industriale, ''quel che serve alla Lombardia puo' non valere per le altre Regioni'' ha detto il presidente lombardo. ''Occorre un approccio nuovo, no all'omogeneizzazione. Non si puo' pensare che la Lombardia aspetti gli altri per fare determinate scelte. Dunque, la competizione deve essere virtuosa'' ha sottolineato Maroni, rivolgendosi ai colleghi Caldoro e Vendola. E ha fatto un esempio. ''Abbiamo un forte sviluppo comune - tra Campania, Lombardia e Puglia - del polo dell'aviazione. Assisto, pero', a una competizione poco virtuosa, quando si teme che da una regione vengano portati via investimenti verso un altra. La competizione tra territori, quando viene usata contro di noi, non va bene. Vorrei invece che su temi come i fondi europei si sviluppi un modello omogeneo, una piattaforma comune, per aiutare il Governo nei confronti della Ue. Per evitare misure di intervento a taglia unica, che non fanno bene a nessuno''.

res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina