mercoledì 25 gennaio | 00:43
pubblicato il 28/giu/2013 13:30

Ue: Maroni, accordo su bilancio non porti tagli

Ue: Maroni, accordo su bilancio non porti tagli

(ASCA) - Milano, 28 giu - Questa mattina il presidente della regione Lombardia Roberto Maroni, conversando con i giornalisti prima di intervenire all'assemblea di Confindustria Mantova, ha espresso preoccupazione ''per i possibili riflessi del recente accordo sul bilancio europeo''.

Per Maroni, i 3 miliardi di euro in piu' che arriverebbero per l'occupazione giovanile sono ''solo apparentemente una novita' soddisfacente'', e ha aggiunto: ''ne ho parlato la settimana scorsa anche con il presidente della commissione Ue Barroso, perche' il rischio e' che ci possano essere notevoli tagli all'Italia e, quindi, anche alle regioni del Nord in altri settori, come l'agricoltura o le attivita' produttive.

Temo molto questo rischio e vigilero' affinche' non avvenga''.

''Fossi nel Governo - ha continuato Maroni - prima di cantare vittoria, sarei cauto, per vedere che non ci sia qualche polpetta avvelenata negli altri capitoli di bilancio''.

Maroni ha inoltre rivendicato la capacita' dimostrata dalle istituzioni lombarde, a differenza di quelle di altre aree del Paese, di sfruttare appieno i fondi messi a disposizione dall'Unione europea. ''Le risorse che vengono destinate alla nostra regione - ha osservato - vengono utilizzate e fatte fruttare attraverso le partnership pubblico-privato. Anche per questo sono preoccupato che il prossimo bilancio europeo possa tagliare i fondi ai territori''.

''Per le Regioni che non li utilizzano sarebbe solo un problema formale, mentre per noi sarebbe un danno vero'', ha detto Maroni che ha anche aggiunto di voler ''attivare tutti i parlamentari europei lombardi, di qualsiasi partito, perche' non ci siano questi paventati tagli, che danneggerebbero diversi settori produttivi della Lombardia, a partire dall'agricoltura''. Anche dal Governo centrale, secondo Maroni, le risposte attese non sono state all'altezza delle aspettative. ''Sulla Cassa integrazione in deroga - ha evidenziato - e' stato promesso 1 miliardo di euro, poi ridotto a 500 milioni di euro, che per giunta sono ancora fermi, perche' non sono stati fatti i decreti del caso''. ''Anche su Expo - ha fatto notare il presidente - nel 'decreto lavoro' erano previste norme per introdurre flessibilita', ma il provvedimento e' uscito da Palazzo Chigi stralciato di tutta la parte relativa all'Esposizione universale del 2015''. Nonostante le incertezze del Governo, la regione non ha aspettato e si e' attivata per affrontare la situazione.

''Ieri - ha sottolineato il presidente - regione, sindacati e parti sociali hanno raggiunto l'accordo per la proroga della Cig del secondo semestre 2013. E' una disposizione che aiuta 70.000 lavoratori e centinaia di imprese. E questo solo grazie all'impegno della regione, non certo del Governo''.

red/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Grillo imbavaglia i suoi: parlate se autorizzati o andate via
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
Governo
A P.Chigi summit Gentiloni e ministri su sicurezza-immigrazione
M5s
Grillo a eletti M5s: siete portavoce, linea la decidono iscritti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, ok Camera a mozione contro l'abuso di antibiotici

Roma, 24 gen. (askanews) - "Approvata dalla Camera la nostra mozione contro la resistenza agli antibiotici, un fenomeno che, di questo passo, entro il 2050 potrebbe diventare...

Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4