domenica 26 febbraio | 11:19
pubblicato il 25/giu/2013 11:11

Ue: Letta, ci sono 15 mil giovani disoccupati. No accordi a ribasso

Ue: Letta, ci sono 15 mil giovani disoccupati. No accordi a ribasso

(ASCA) - Roma, 25 giu - Al Consiglio europeo di giovedi' e venerdi' prossimi verra' affrontato ''il dramma del lavoro che non c'e', 15 milioni di ragazzi senza lavoro e senza prospettiva. In Europa un giovane su 4 e' disoccupato''. Lo afferma il presidente del Consiglio Enrico Letta nel suo intervento in aula alla Camera aggiungendo che ''possiamo e dobbiamo decidere per costruire qualcosa di piu' solido e non solo per tamponare le emergenze. Dobbiamo rifuggere da soluzioni al ribasso''. L'Europa, dice Letta, deve ''dare finalmente risposte vere e verificabili e il primo problema oggi e' il lavoro per i giovani'' che non c'e'. E ''solo insieme - continua - possiamo raggiungere risultati che da soli non potremmo mai raggiungere''.

In ogni caso, rileva il premier, ''fare dell'occupazione giovanile un punto cardine del Consiglio europeo e' un risultato politico che rivendico''. fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Lavoro
Renzi: ruolo Stato non è offrire reddito ma lavoro di cittadinanza
Pd
Orlando: mi candido per guidare il Pd, non contro qualcuno
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech