giovedì 08 dicembre | 16:02
pubblicato il 25/giu/2013 11:11

Ue: Letta, ci sono 15 mil giovani disoccupati. No accordi a ribasso

Ue: Letta, ci sono 15 mil giovani disoccupati. No accordi a ribasso

(ASCA) - Roma, 25 giu - Al Consiglio europeo di giovedi' e venerdi' prossimi verra' affrontato ''il dramma del lavoro che non c'e', 15 milioni di ragazzi senza lavoro e senza prospettiva. In Europa un giovane su 4 e' disoccupato''. Lo afferma il presidente del Consiglio Enrico Letta nel suo intervento in aula alla Camera aggiungendo che ''possiamo e dobbiamo decidere per costruire qualcosa di piu' solido e non solo per tamponare le emergenze. Dobbiamo rifuggere da soluzioni al ribasso''. L'Europa, dice Letta, deve ''dare finalmente risposte vere e verificabili e il primo problema oggi e' il lavoro per i giovani'' che non c'e'. E ''solo insieme - continua - possiamo raggiungere risultati che da soli non potremmo mai raggiungere''.

In ogni caso, rileva il premier, ''fare dell'occupazione giovanile un punto cardine del Consiglio europeo e' un risultato politico che rivendico''. fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi: chi non vuole voto sostenga governo o urne dopo Consulta
Governo
Renzi: ok nuovo governo ma appoggiato da tutti, non temiamo voto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni