domenica 19 febbraio | 15:34
pubblicato il 27/mag/2013 12:00

Ue/ Letta: Bene fine procedura ma risorse solo da 2014

Ma effetti concreti su alcuni provvediemnti già da ora

Ue/ Letta: Bene fine procedura ma risorse solo da 2014

Roma, 27 mag. (askanews) - Senza dubbio una buona notizia, ma se mercoledì la Ue dovesse decidere l'uscita dell'Italia dalla procedura di deficit eccessivo non si libererebbero risorse immediate ma si avrà un impatto positivo solo a partire dal bilancio 2014. Lo ha chiarito il premier Enrico Letta, nel corso dell'incontro con le Regioni a palazzo Chigi, secondo quanto riferito da fonti di governo. Tuttavia, avrebbe spiegato Letta, se mercoledì verrà confermata la proposta della Commissione per l'uscita dalla procedura di infrazione, questo avrà effetti importanti non solo nel lungo periodo ma anche nel breve, perchè se usciamo dalla procedura l'Italia non avrà più monitoraggio e tutoraggio continui degli ultimi anni. Dunque se ci sarà la fine della procedura ci saranno anche effetti concreti, in particolare si eviteranno appesantimenti burocratici e lungaggini che frenano alcuni provvedimenti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto lascia Si: non serve partito ma nuovo centrosinistra
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Pd, fallisce nuova mediazione ma si tratta. Rischio scissione
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia