mercoledì 07 dicembre | 20:15
pubblicato il 26/giu/2014 11:59

Ue: Italia Unica, Renzi ha troppe speranze

(ASCA) - Roma, 26 giu 2014 - Le molte speranze infondate di Renzi per il Consiglio Europeo che si apre oggi a Ypres e' il titolo dell'editoriale di Emanuela Farris, responsabile relazioni internazionali di Italia Unica che compare sul sito del movimento di Corrado Passera.

''Il premier italiano si e' compiaciuto di una presunta apertura dei paesi UE nei confronti dell'Italia. Chi conosce davvero i meccanismi delle istituzioni e delle cancellerie europee sa che tanta enfasi trova scarsa o nulla giustificazione'', scrive Farris.

''Chi crede nella possibilita' di una reale apertura di credito all'Italia in assenza di prove tangibili che dimostrino una chiara riduzione del debito pubblico, non ha fatto i conti con le tuttora forti pressioni dei paesi pro-austerity. L'essersi focalizzati dunque unicamente sul rilassamento del Fiscal Compact senza potere contare su un concreto trend di crescita del PIL nazionale italiano e' una strategia di brevissimo respiro che non portera' i frutti sperati dal premier italiano. L'approccio corretto - spiega la Farris - sarebbe stato chiedere fin dall'inizio la detassazione in deficit (gia' avviata dal premier spagnolo Rajoy), ma cio' avrebbe richiesto una svolta clamorosa e un distaccamento dalla politica delle facili enunciazioni''.

''Inoltre per Renzi - continua Emanuela Farris - focalizzarsi e insistere sul Fiscal Compact potrebbe rivelarsi un boomerang capace di danneggiare l'immagine e la credibilita' dell'Italia anche sugli altri tavoli negoziali, da Frontex per le questioni legate all'immigrazione al sostegno auspicato per le piccole e medie imprese''. ''L'altro fronte su cui il governo italiano e' vistosamente in ritardo - conclude Farris - riguarda la garanzia per il progetto finanziato dalla Commissione europea per i giovani (European Youth Initiative 2014-2020); progetto in cui l'Italia ha a disposizione 1,5 miliardi di euro per contrastare la disoccupazione giovanile e che non ha ancora messo pienamente a frutto, mentre e' notizia recente che la Francia ha gia' messo in circolo 630 milioni in progetti da realizzare immediatamente''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Mattarella frena corsa al voto,prima sistema elettorale uniforme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni