sabato 10 dicembre | 04:58
pubblicato il 17/lug/2014 12:02

Ue: Gozi, per Pse Lady Pesc resta Mogherini

(ASCA) - Roma, 17 lug 2014 - ''Non ci sara' alcun cambiamento del nome, in vista del nuovo vertice di fine agosto sulle nomine: non sarebbe infatti un cambiamento solo dell'Italia, ma dell'intero Pse. Non ci sara' quindi alcun cambiamento. Il nome di Federica Mogherini e' stato proposto dal Partito Socialista Europeo, sulla base del fatto che il PD e' il primo partito del Pse. In base a questa logica e' stata portata avanti la trattativa''. Cosi', intervistato da Radio 24, il sottosegretario agli Affari Europei Sandro Gozi esclude un cambio di candidatura italiana per la carica di Alto rappresentante europeo, dopo il nulla di fatto al summit di questa notte a Bruxelles.

''Non e' una sconfitta per l'Italia, ma un passo avanti'', ha affermato Gozi. ''In questa difficile trattativa su cinque incarichi istituzionali, e' passato il principio secondo cui, alla presidenza della Commissione Europea assegnata a un popolare, deve corrispondere una vicepresidenza della Commissione e un ruolo di Alto Rappresentante ai Socialisti e Democratici. Attorno al nome di Federica Mogherini nessuno ha sollevato obiezioni intorno al tavolo'', ha precisato Gozi a Radio 24.

''Il nome di Enrico Letta non e' mai stato fatto intorno al tavolo del Consiglio Europeo. Si e' lavorato soprattutto sui criteri per assegnare gli incarichi istituzionali europei. E' chiaro che, essendo necessario l'accordo su un pacchetto complessivo di nomine, si e' stabilito il principio dell'equilibrio politico, e si e' rimandata la decisione specifica sui nomi a fine agosto'', ha dichiarato Gozi, negando i rumors su proposte di candidati italiani alternativi fatte dagli altri leader.

Diversi leaders e giornali internazionali hanno criticato l'assenza di esperienza diplomatica di Federica Mogherini, da soli cinque mesi ministro degli Esteri, e' stato fatto notare al sottosegretario Gozi: ''Nessuno ha sollevato critiche a Federica Mogherini sulla base dell'esperienza. Questo problema non e' mai stato sollevato nelle riunioni che contano. E' difficile parlare della necessita' di rinnovare l'Europa, e porre poi come criterio assoluto l'essere stato magari 20 anni nel circuito europeo. Le due cose non sempre sono compatibili'', ha spiegato Gozi.

E sulle critiche, piu' interne, di aver sbagliato casella della Commissione su cui puntare, scegliendo quella di Alto Rappresentante, Gozi ha sottolineato: ''Per decidere la casella su cui puntare bisogna leggere i Trattati, e leggere i poteri conferiti a quella casella dai Trattati: i Trattati indicano che l'Alto Rappresentante e' il vero numero due della Commissione, che ha un potere di coordinamento sui Commissari con una proiezione di lavoro esterna. Ha poteri di supervisione, oltre alle sue funzioni di politica estera, difesa e sicurezza comune. Il fatto che Catherine Ashton non abbia deciso di esercitare i suoi poteri, non vuol dire che chi le succedera' dovra' fare altrettanto. Per questo la consideriamo una casella piu' importante, rispetto agli altri portafogli che sono stati ipotizzati''.

com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina