mercoledì 07 dicembre | 12:36
pubblicato il 17/lug/2014 17:45

Ue: Gozi, occorre un autentico spazio europeo di giustizia

(ASCA) - Roma, 17 lug 2014 - ''Intendiamo affrontare questo semestre perseguendo l'obiettivo di fondo di contribuire ad un ''autentico spazio europeo di giustizia' nel pieno rispetto dei diversi ordinamenti giuridici e delle diverse tradizioni giuridiche degli Stati membri. Con un approccio che tenga in parallelo e in stretta congiunzione il tema della sicurezza e dei diritti fondamentali''. Cosi' il sottosegretario agli Affari Europei Sandro Gozi intervenendo oggi in audizione presso la Commissione d'inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali anche straniere.

Gozi, apprezzando il lavoro svolto dalla Commissione presieduta da Rosy Bindi e facendo propri molti dei contenuti della relazione proposta dalla relatrice Laura Garavini, ha sottolineato come questa sia ''un'esigenza condivisa a livello europeo e in questa direzione vanno, infatti, le Conclusioni del Consiglio Europeo di giugno e le Linee guida strategiche in esso approvate''. In particolare, ha aggiunto Gozi, ''le Linee guida adottate al Consiglio europeo di giugno costituiscono una buona base di lavoro. Come principio generale, viene richiamata l'importanza della fiducia reciproca, mentre tra gli obiettivi specifici vale la pena richiamare: la necessita' di rafforzare il mutuo riconoscimento delle decisioni e sentenze, il rafforzamento della tutela dei diritti nei casi transfrontalieri e la protezione delle vittime ed infine le attivita' di formazione. Nel settore della cooperazione giudiziaria e di polizia, durante il nostro Semestre occorrera' da una parte valutare l'attuazione e la corretta applicazione delle misure gia' adottate e dall'altra incoraggiare il Consiglio a contribuire alla piena attuazione degli orientamenti strategici per la programmazione legislativa e operativa nell'ambito dello spazio di liberta', sicurezza e giustizia, come stabilito dal Consiglio europeo di giugno 2014. Con l'impegno ad approvare attraverso la legge di delegazione europea 2014 le deleghe per l'attuazione delle decisioni quadro (come ad esempio quella sul reciproco riconoscimento delle decisioni di confisca, oltre agli impegni gia' presi con la legge di delegazione europea 2013 che ha gia' avuto il via libera della Camera ed oggi e' in discussione al Senato.

Questione centrale - ha concluso - sara' poi far avanzare la proposta per una istituzione di una Procura europea, trovando un giusto equilibrio tra giurisdizione interna degli Stati membri e la dimensione sovranazionale''.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi vuole dalla direzione l'ok del Pd a elezioni anticipate
Governo
Renzi e Pd pronti a governo istituzionale: ma con numeri larghi
Governo
Udc esce da Ap di Alfano: nuovi gruppi contro voto anticipato
Governo
Bersani: Renzi vuole voto? Non si vince sulle macerie del Paese
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Klm prepara nuova destinazione a Cartagena in Colombia
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni