domenica 04 dicembre | 09:05
pubblicato il 09/giu/2014 17:43

Ue: Gelmini, bene Squinzi su Eurobond, ora avviare velocemente riforme

(ASCA) - Milano, 9 giu 2014 - ''Bene ha fatto il presidente di Confindustria Squinzi a riaprire il dossier Eurobond, tenuto chiuso nei cassetti della burocrazia europea''. Questo il commento di Mariastella Gelmini, vice capogruppo vicario di Forza Italia alla Camera, sullo spunto di riflessione lanciato dal presidente di Confindustria durante l'assemblea generale di Assolombarda.

Secondo l'ex Ministro dell'Istruzione, ''aprire quel discorso significa avviare velocemente le riforme. Ricordo che e' solo grazie all'iniziativa di Antonio Tajani se l'Italia ha ottenuto tempi piu' lunghi per il raggiungimento dell'equilibrio strutturale di bilancio. Adesso spetta al Governo muoversi cogliendo questo messaggio positivo. Renzi ha ricevuto un capitale di fiducia dagli elettori ma lo sta disperdendo giorno dopo giorno. Senza riforme e con l'attuale andamento troppo lento del Governo - conclude la Gelmini - non avra' i titoli per incalzare l'Europa su alcuna questione''.

com-fcz/sam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari